Palermo, l’ex Giacomo Tedesco: “Devo tutto ai rosanero, Catania scelta solo professionale”

L’ex centrocampista palermitano gestisce la sua scuola calcio a Tommaso Natale

tedesco giacomo

Giacomo Tedesco con il Palermo cucito nel cuore.

L’ex centrocampista palermitano ha esordito con Ignazio Arcoleo e nel corso della propria carriera ha anche totalizzato quasi duecento presenze in Serie A. L’ex centrocampista che oggi gestisce la sua scuola calcio a Tommaso Natale, nel corso dell’intervista concessa a ‘Il Giornale di Sicilia’, ha raccontato le tappe della propria carriera. Eccone alcuni estratti.

Palermo, si ferma Valente: da valutare le condizioni dell’esterno, contro il Catanzaro tornano Almici e Odjer

“Non ho mai dimenticato che se ho giocato quasi duecento partite in Serie A, se sono diventato un calciatore professionista, lo devo al Palermo. La mia squadra è sempre stata il Palermo. Il club dove ho cominciato, con cui ho debuttato tra i professionisti. Esattamente ad Acireale, la prima partita del Palermo dei picciotti.Non sapevo neppure che avrei giocato titolare. Arcoleo me lo comunicò poco prima della gara. Tanti anni dopo sicuramente i tifosi del Palermo non hanno apprezzato il fatto che ho giocato due anni a Catania. Ma anche in questo caso è stata una scelta professionale. A Catania ho fatto due stagioni in A e sono stato bene; a Catania la città di Palermo è molto apprezzata, solo quando si parla di calcio i telefoni si rompono”.

Lo stesso Tedesco, da tifoso rosanero, si è anche espresso sul Palermo di Roberto Boscaglia e sulla possibilità che riesca a ottenere  la promozione in Serie B.

“Boscaglia è bravo. Arrivammo primi, ma nella stagione precedente avevamo perso i play-off. Mi ricorda un po’ Mazzarri come tipo di gioco. È chiaro che questo è un anno di sacrifici per tutti, da tifoso del Palermo mi auguro che nei play-off accada il miracolo, perché vince la squadra che in quel momento sta meglio ma centrare la promozione al primo colpo è davvero difficile. Il Bari rischia di non andare, la Ternana è il terzo anno che ci prova. Il Palermo ha giovani di qualità che hanno bisogno di tempo per maturare”.

Palermo, guarda che Lucca: Boscaglia si gode il suo bomber, i rosanero vincono la scommessa

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy