Palermo, le motivazioni dell’esclusione dalla Serie B: la società satellite, le compensazioni e le inadempienze. I dettagli

Palermo, le motivazioni dell’esclusione dalla Serie B: la società satellite, le compensazioni e le inadempienze. I dettagli

Tutti i dubbi della Covisoc in merito alla domanda di iscrizione del Palermo, la carenza patrimoniale da 8,2 milioni di euro è stata ripianato in maniera inidonea

Il tentativo di iscriversi «a credito» non è andato a buon fine e tanto potrebbe bastare per spegnere ogni residua speranza in sede di appello“.

Apre così l’edizione odierna de Il Giornale di Sicilia parlando della domanda di iscrizione inviata dal Palermo alla Lega B e respinta dalla Covisoc due giorni fa. La Commissione di vigilanza ha indagato a fondo tutta la documentazione ricevuta dal club di viale del Fante e oltre al mancato pagamento di diverse somme propedeutiche all’iscrizione ha trovato anche ripianamenti non idonei alle norme previste dalla Figc, perché effettuati con compensazioni di crediti.

Per tali motivi, anche quando venisse riconosciuto che Tuttolomondo sia stato truffato dal broker per il rilascio della fideiussione, le speranze nel ricorso che effettuerà la società rosanero sono da ritenersi praticamente nulle. La carenza patrimoniale da poco più di 8,2 milioni di euro non è stata ripianata in modo idoneo: “La documentazione prodotta, stando a quanto scrive la Covisoc, è largamente costituita da contabili bancarie relative a pagamenti di presunti debiti sociali eseguiti da soggetti differenti dal socio controllante, ovvero da Palermo Football Club Spa. È la holding creata dagli inglesi, infatti, ad essere proprietaria dell’U.S. Città di Palermo. Sporting Network ha rilevato la holding (dunque il Palermo più Mepal), ma i pagamenti dovevano passare da lì. Cosa che, per l’organo di vigilanza, non è avvenuta“.

Per bilanciare l’indicatore di patrimonializzazione è stato utilizzato un credito da 5,8 milioni, fattispecie non prevista dalla normativa. Le modalità per ripianare sono descritte in maniera dettagliata nella pagina 2 del Manuale Figc: “versamenti in conto futuro aumento di capitale, aumento di capitale integralmente sottoscritto e versato e da effettuarsi esclusivamente in denaro, finanziamenti postergati ed infruttiferi dei soci. La compensazione mediante crediti non è prevista e questo, da sé, basterebbe per non considerare a norma l’operazione portata avanti dal Palermo“. Suddetto credito è stato acquisito rilevando un ramo d’azienda della società Group Itec Srl, ma tra l’altro manca anche la documentazione che attesti l’esistenza e l‘esigibilità di tale credito.

I pagamenti dei contributi Inps e delle ritenute Irpef relativi agli stipendi di calciatori, dipendenti e collaboratori è avvenuto anche in questo caso tramite ignote compensazioni “di non meglio qualificata origine“. Ma non solo, le contestazioni arrivano anche dal collegio sindacale della società di viale del Fante: “È quanto si evince dalla memoria depositata ieri dall‘avvocato Guerrera, nominato curatore speciale del club di viale del Fante nel corso del procedimento avviato dalla Procura federale per richiederne il commissariamento. Da una conversazione intercorsa alla fine di maggio col precedente presidente dell’organo di controllo, infatti, «erano emersi dubbi sulla validità dell’operazione di accollo dei debiti tributari da parte della Tecnosystem Group Srl, titolare di un credito Iva di oltre quattro milioni da portare in compensazione». Altra operazione sulla falsariga delle precedenti per cercare di tappare le falle di un Palermo ormai destinato ad affondare“.

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. sbt5 - 9 mesi fa

    Questa è la dimostrazione che Albanese e Macaione erano bene informati che i Tuttolomondo prendevano in giro e non intendevano mettere un euro.
    Sono conniventi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy