Palermo, Felici e Ficarrotta le armi in più di Pergolizzi: l’acchiapparigori e l’assistman. I numeri

Palermo, Felici e Ficarrotta le armi in più di Pergolizzi: l’acchiapparigori e l’assistman. I numeri

L’esterno d’attacco di proprietà del Lecce ha conquistato cinque penalty sui nove concessi ai rosanero, il palermitano si è invece specializzato nei passaggi vincenti

Uno li tramortisce, l’altro li finisce e senza che facciano gol, perché a quello ci pensano gli altri

L’edizione odierna della ‘Gazzetta dello Sport’ mette in evidenza i punti di forza di due degli elementi più determinanti del reparto offensivo del Palermo nelle ultime gare: Mattia Felici e Luca Ficarrotta. Il classe 2001 ormai è diventato l’acchiapparigori dei rosanero, dato che su 9 penalty concessi, ben 5 si li è procurati lui. L’ex Marsala, invece, subentrato in corsa nella gara contro la Cittanovese, sforna assist ripetutamente. Due armi infallibili, dunque, che vantano di grande generosità, seppur da tempo non riescano ad inserirsi nel tabellino.

In un reparto avanzato rafforzato dal mercato con gli arrivi di Floriano e Silipo – si legge sul noto quotidiano – ci sono un under e un over che stanno muovendosi secondo una tendenza che può caratterizzare il rispettivo campionato. Entrambi sono accomunati da un comune denominatore: non segnano da molto tempo. Il baby del Lecce (3 gol all’attivo) dal 1 dicembre, l’attaccante palermitano (2 reti in totale) dal 3 novembre. (…) Per Ficarrotta è stato un lungo periodo buio, prima le tre giornate di squalifica dopo l’espulsione con il Savoia, poi la mancata consacrazione come sostituto di Santana, a seguito dell’infortunio dell’argentino. Pergolizzi ha lavorato molto sulla sua testa, perché le qualità del giocatore non si discutono, e l’atteggiamento visto nelle due ultime partite ha evidenziato un cambiamento che sa tanto di una voglia di tornare protagonista per il finale di stagione. Felici, invece, questa tendenza a fare a ammattire i difensori avversari in area di rigore l’aveva sviluppata fin dalla prima giornata. (…) In totale su 5 rigori conquistati, 3 hanno contribuito alla vittoria del Palermo. Se il trend continuerà a essere questo, con un acchiapparigori e un assistman seriali, il Palermo in attacco può stare sereno, perché i gol non mancheranno. Se, inoltre, riprenderanno anche il filo interrotto con l’esultanza personale, allora il reparto avanzato può tornare devastante come nelle prime dieci giornate“.

Palermo, la cooperativa del gol: cinque nuovi marcatori nel 2020

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy