Palermo, cessione o rescissione del contratto per inadempienze: il gruppo inglese è con le spalle al muro. Zamparini…

La nuova proprietà del club di viale del Fante risulta essere inadempiente. Follieri e il gruppo americano ci riprovano

Cessione o rescissione del contratto.

Apre così l’edizione odierna de Il Giornale di Sicilia. Il momento che sta attraversando la società di viale del Fante è uno dei più complicati di tutta la storia del club. La nuova proprietà inglese non ha ancora immesso capitali, cosa che era prevista già entro il 31 gennaio in base agli accordi stipulati con Maurizio Zamparini. I legali dell’ex patron del Palermo sono passati alle manieri forti, inviando una diffida ad adempiere.

Mancano ormai pochi giorni alle scadenze imposte dalla Covisoc, con il rischio sempre più alto di una penalizzazione in classifica. Lo scorso 30 gennaio durante il Consiglio di Amministrazione, Emanuele Facile aveva prospettato le spese necessarie fino al 16 febbraio, un totale di 5,4 milioni. Cifra che difficilmente entrerà nelle casse del club rosanero, anche perché il versamento di tale somma era stato annunciato per domani da Treacy, il quale però nel frattempo ha rassegnato le proprie dimissioni.

Zamparini è sul piede di guerra, per lui ed i suoi legali la Sport Capital Group è inadempiente. Il quotidiano regionale sottolinea: “Dalle memorie dei suoi legali si evince come la data ultima per l’immissione di capitali fosse il 31 gennaio e nulla è entrato in cassa al termine dello scorso mese. È stata concessa una minima soglia di tolleranza, si è deciso di intervenire in sede civilistica con la messa in mora e nulla è cambiato. Il passo successivo è stata la diffida formulata ieri, per mezzo della quale si punta a mettere gli acquirenti con le spalle al muro. L‘invito, per così definirlo, è chiaro: adempiere immediatamente agli obblighi presi tramite contratto, altrimenti l’uscita definitiva dalla società“.

La compagnia inglese, in tal senso, sembra aver già riallacciato i rapporti con soggetti che in passato avevano già provato a rilevare il club, tra cui Follieri ed un gruppo americano. Le tempistiche sono strette ed è impossibile fare un due diligence in corsi breve tempo. L’imprenditore pugliese sarebbe pronto a tornare alla carica ed avrebbe già pronta un’offerta, mentre il gruppo americano starebbe trattando direttamente col management di Sport Capital Group PLC.

Altra possibilità è quella legata all’immissione dei capitali annunciati da parte della compagnia inglese, cosa che però al momento sembra impossibile, per via di tutte le vicende avvenute negli ultimi giorni. Se nessuna delle ipotesi dovesse concretizzarsi vi è però un’ulteriore alternativa: “Contratto invalidato per inadempimento da parte di uno dei due firmatari. In quel caso, le quote del Palermo tornerebbero in mano al vecchio proprietario, ovvero a Zamparini. Almeno fin quando non si troverà un nuovo accordo di cessione della società“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy