Palermo-Avellino, esordio al ‘Barbera’ da dimenticare: i rosanero non decollano, ora serve una reazione

Il Palermo resta fermo in classifica: i rosanero non decollano

Il Palermo e Roberto Boscaglia incassano il secondo ko stagionale.

I rosanero steccano la prima al “Renzo Barbera” contro un Avellino che fa il minimo indispensabile per portare a casa, meritatamente, il bottino pieno: al piccolo step in avanti del “Liberati” – nella gara contro la Ternana – ha infatti fatto seguito un’altra prestazione inconsistente, anonima e sconclusionata. Poche, pochissime, le occasioni confezionate dai padroni di casa impensierire gli uomini di Braglia, per due volte ci prova Lucca ma non centra mai lo specchio della porta.

Palermo-Avellino, le avversarie corrono e i rosanero faticano: tanti ritardi sul mercato si pagano

Freddi e precisi invece D’Angelo e Fella che con un gol ciascuno per tempo firmano il blitz irpino, punendo duramente il Palermo che “una volta siglato il 2 a 0 non reagisce più, fino alla fine della gara la difesa degli Irpini tiene botta alle iniziative proposte dai padroni di casa e nel finale Maniero di testa su corner va vicino al tris ed al primo gol con la maglia biancoverde sulle spalle”, scrive l’odierna edizione de ‘Il Mattino’. Una vittoria importante per i Lupi, che in attesa dei recuperi contro Bisceglie e Turris, salgono a quota 6 punti in classifica; al contrario del Palermo, che resta fermo a quota 1 con sola la seconda giornata da recuperare.

Serie C, Palermo-Potenza: ecco quando sarà recuperato il match rinviato al “Barbera”. Il comunicato della Lega Pro

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. sbt5 - 1 settimana fa

    Reazione ? Un accozzaglia di tosa, un allenatore che cerca solo il catenaccio per limitare i danni, un centrocampo inesistente che costruisce meno che zero, votato solo a difendere e recuperare palloni. Non finiremo nei di ringraziare Mirri e Orlano per i disastri compiuti. Dimettetevi.. …

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy