Orlando: ” La nostra missione sarà riportare il club ad alti livelli. Ecco a chi interessa il Palermo”

Orlando: ” La nostra missione sarà riportare il club ad alti livelli. Ecco a chi interessa il Palermo”

Le dichiarazioni live da Palazzo delle Aquile del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando

Ultime ore di attesa in casa Palermo.

Lo scorso giovedì la Covisoc ha bocciato i rosanero, che sono stati esclusi dalla prossima Serie B per l’assenza dei criteri economico finanziari previsti per l’ottenimento della licenza nazionale ai fini dell’ammissione al campionato. Al club di Viale del Fante, infatti, è stata contestata la mancanza della nota fideiussione da 800 mila euro, del pagamento degli stipendi ai tesserati e dei debiti sportivi. Lunedì 8 luglio la società ha comunque presentato ricorso contro il no della Commissione di Vigilanza sulle Società di Calcio Professionistiche, sostenendo ancora una volta di dover disputare il campionato cadetto. Ricorso prontamente respinto. Ieri, infatti, la Covisoc, dopo aver analizzato il tutto, ha consegnato alla Figc l’elenco delle società aventi diritto a partecipare ai campionati professionistici, e come da previsioni, il Palermo non sarebbe nella lista. Tra poco meno di un’ora avrà inizio il Consiglio Federale, che dovrebbe di fatto ufficializzare l’esclusione dei rosanero dalla Serie B.

Dunque, adesso, la compagine siciliana ripartirà dai dilettanti, con l’obiettivo di provare nuovamente la grande scalata verso i piani alti del mondo del calcio. Il sindaco Leoluca Orlando, direttamente dalla sede di Palazzo delle Aquile, è pronto ad annunciare il bando per l’acquisizione del Palermo Calcio. Pertanto, da oggi parte ufficialmente l’iter per la concessione del titolo sportivo ad una nuova proprietà.

Di seguito, le dichiarazioni del primo cittadino.

“Valuteremo le domande che arriveranno in base a diversi criteri. L’amministrazione comunale non può supportare una nuova società, deve essere assolutamente privata e agevolata nel caso dall’azionariato popolare. 32 anni fa abbiamo perso un anno e siamo finiti in C2 e soprattutto c’era tanta rabbia da parte della tifoseria. In questi giorni, ho visto i nostri tifosi quasi liberati dal peso di un qualcosa che non andava ormai da due o tre stagioni. Siamo passati dall’avercela con Zamparini ad avercela con chiunque si avvicini alla società, la missione del nuovo progetto sarà quella di riportare il calcio a Palermo ad alti livelli. A chi interessa il Palermo? Sono cordate italiane e straniere, mi è arrivato di tutto. I nomi pubblicati dai giornali sono concreti, ma affiancati da diverse altre proposte. Dragotto si tira fuori per diatribe con me? Non saprei il motivo, nulla da aggiungere”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy