Nestorovski: “Chi ha distrutto i sogni di un’intera città e fatto perdere il lavoro a diverse famiglie dovrebbe farsi un esame di coscienza”

Nestorovski: “Chi ha distrutto i sogni di un’intera città e fatto perdere il lavoro a diverse famiglie dovrebbe farsi un esame di coscienza”

“Come tutti anche io potevo dare di più, ma è il calcio, non sempre si vince. Ma ho la coscienza a posto perché ho sempre lavorato al massimo”

E’ stato un dolore incredibile. Ho pensato a tutti i momenti, felici e tristi, che ho vissuto insieme ai compagni e a chi ha lavorato col Palermo. Uno dei momenti più tristi della mia carriera“.

Inizia così l’intervista rilasciata da Ilija Nestorovski a La Gazzetta dello Sport. L’ormai neo attaccante dell’Udinese ha raccontato la sua esperienza in rosanero, condita da 39 gol e un legame particolare con la città e la gente: “La notte del 24 giugno non riuscivo a credere a quello che leggevo sul web, speravo fosse uno scherzo. Tuttolomondo? Non giudico nessuno dalle parole ma solo dai fatti. Dopo la “vittoria” nel processo sul deferimento e la retrocessione in C, pensavo che l’incubo fosse finito. Era un’illusione. Chi ha distrutto i sogni di un’intera città e fatto perdere il lavoro a diverse famiglie dovrebbe farsi un esame di coscienza. Io non riuscirei a dormire“.

Eppure col Palermo le gioie sono state tante, Nestorovski è nella Top Ten dei bomber di sempre: “Il gol più bello quello contro l’Atalanta allo scadere, nel mio primo anno in A. Il momento più esaltante? Tutte le volte che dopo un gol sentivo il boato del Barbera e lo speaker urlare il mio nome“.

Sul momento più brutto, il centravanti macedone non ha dubbi: “La notte di Frosinone e quel maledetto 24 giugno. In campo scendiamo noi calciatori e siamo i primi responsabili. Preferisco non parlare delle colpe che hanno altri. Come tutti anche io potevo dare di più, ma è il calcio, non sempre si vince. Ma ho la coscienza a posto perché ho sempre lavorato al massimo. Durante gli infortuni mi sembrava di impazzire, perché sarei voluto tornare subito in campo“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy