Mirri: “Zamparini parlava di scudetto, io non voglio illudere i tifosi. Pergolizzi? Scelto perché è il migliore”

Mirri: “Zamparini parlava di scudetto, io non voglio illudere i tifosi. Pergolizzi? Scelto perché è il migliore”

Le parole del proprietario della società siciliana, Dario Mirri: “Mi piacerebbe essere ricordato come il presidente che ha voluto coinvolgere la gente. Ci chiamiamo Palermo e ogni avversario farà di tutto per metterci sotto”

Vorrei stravincere, sempre, come del resto i tifosi. Però bisogna crescere e accettare la sconfitta. Purtroppo, siamo stati abituati in altro modo. Zamparini mandava via gli allenatori e devastava tutto. Infine, mi piacerebbe essere ricordato come il presidente che ha voluto coinvolgere la gente. E che per strada o in un salotto si possa dire: ‘Tifo per il Palermo perché è la mia immagine’

Parla così, intervistato da Il Corriere dello Sport, Dario Mirri. Il presidente-tifoso del “nuovo Palermo” targato Hera Hora, pronto a ripartire dalla Serie D, è intervenuto ai taccuini del noto quotidiano sportivo nazionale rilasciando le seguenti dichiarazioni in merito a diverse tematiche relative alla rinascita del club rosanero, soffermandosi inoltre sulla scelta di Pergolizzi e sui progetti futuri volti a far crescere la società siciliana.

Dice: ‘Porto il Palermo in B e lascio’. I poteri forti, il business della A le fanno paura?
Non ho paura di niente e vivo in una città difficile come Palermo. L’ambizione c’è. Zamparini parlava di scudetto, io non voglio illudere i tifosi e me stesso. Non gioco da solo. Ci chiamiamo Palermo. Ogni avversario farà di tutto per metterci sotto. Si parte da Marsala, poi dovremo battere pure i santi (il San Tommaso, ndr.)”.

Perché avete gettato via 2,8 milioni nel tentativo disperato di salvare una società in coma?
Da tifoso, pensavo che avremmo perso la Serie A con i punti di penalizzazione. Speravo di salvare la società per poi gestire la pubblicità in palcoscenici migliori come la A o la B. Purtroppo, non avevo calcolato la cessione ad Arkus. Ed è finita come abbiamo visto“.

Il suo rapporto con Pergolizzi?
Se è stato scelto, significa che è il migliore. Rispetto al passato, quando è stato usato e poi messo da parte, vogliamo costruire su di lui. A Pergolizzi, come ad altri che erano con Zamparini, abbiamo dato un’identità diversa“.

Sempre a contatto con i giocatori?
Non è così. Mi chiedono: ‘Perché non entra?’. Sto al mio posto, saluto e basta. Faccio il tifoso, imparo come gioca Ricciardo o Langella, non apro bocca. Se pensassi: ‘Qui ci vuole un altro attaccante!’. Mi tormenterei dentro ma senza chiamare Sagramola e Castagnini per non rovinare la loro indipendenza“.

Ha acquistato, come sempre, l’abbonamento per la gradinata. E quando arriva il presidente della LND?
Andrò a salutarlo e poi mi sistemerò al mio posto. Che è con la gente e con i tifosi“.

Clicca qui per leggere la prima parte dell’intervista al presidente del Palermo: (Mirri: “Porterò nel calcio le mie certezze morali, il Palermo appartiene a tutti. Mio zio Renzo Barbera…”)

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. sbt5 - 3 mesi fa

    Se Pergolizzi è il migliore, Guidolin e Iachini sono mediocri……………

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. sbt5 - 3 mesi fa

    Pergolizzi é il migliore…..
    Questo è solo il tuo pensiero per me non lo é.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. sbt5 - 3 mesi fa

    Sei un bugiardo, Zamparini non ha mai parlato di scudetto diceva solo che i tifosi volevano la champion e lo scudetto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy