Milan-Spal, Semplici sicuro: “A ‘San Siro’ con personalità. Salvezza? Serve salto di qualità”

Milan-Spal, Semplici sicuro: “A ‘San Siro’ con personalità. Salvezza? Serve salto di qualità”

Le parole del tecnico della Spal, Leonardo Semplici, alla vigilia della gara contro il Milan

E’ tutto pronto per Milan-Spal.

Si affronteranno domani pomeriggio a “San Siro”, rossoneri e biancazzurri, nella sfida valida per ottavi di finale di Coppa Italia. Impegno senz’altro complicato per la compagine ferrarese, reduce da un brutto ko rimediato in casa della Fiorentina nello scorso turno di campionato, e fanalino di coda della Serie A. Lo sa Leonardo Semplici che, intervenuto direttamente dalla sala stampa del centro sportivo di via Copparo, ha analizzato la sfida contro i rossoneri.

“Sarà una SPAL che dovrà fare una bella prestazione. Voglio vedere una squadra che giochi con la stessa personalità di Firenze. Proveremo a dare tutto. Dabo sarà sicuramente della partita e cercheremo di conquistare il passaggio del turno che sarebbe una cosa eccezionale contro una squadra di grande valore. Mi aspetto un Milan sulle ali dell’entusiasmo, credo che si sia rilanciato con l’arrivo di Ibra. Troveremo una formazione di grande valore, nonostante la classifica. Sarà uno stimolo in più per cercare di fare la prestazione e mettere in difficoltà la gara. Sconfitta del Lecce? L’aspetto importante è che anche gli altri hanno difficoltà come noi. La classifica è corta e abbiamo la possibilità di arrivare all’obiettivo, ma abbiamo bisogno di fare un salto di qualità tutti”.

L’allenatore si è poi espresso sui singoli: “Cionek lo portiamo ma ha un problema fisico, così come Valoti ha avuto un attacco influenzale. Cercheremo di scegliere gli undici che possano garantirci una certa prestazione. Come ho visto Dabo? Bene, è arrivato con tanto desiderio di dare il suo apporto alla squadra. Ha bisogno di minutaggio e cercheremo di portarlo nelle giuste condizioni possibili per portarlo in forma. Di Francesco titolare? Magari lo utilizzerò durante la gara. La sua condizione sta crescendo, ma inizialmente partiranno altri. Iago Falque è un giocatore importante, ma al momento è prematuro parlare. La società si sta dando da fare comunque per allestire una formazione che sia competitiva”.

Inevitabile la parentesi relativa al ko maturato al “Franchi”: “Sono molto dispiaciuti, ma c’è la possibilità di rimediare. Un rimedio che deve partire in maniera veloce e con la giusta spensieratezza. Non abbiamo più niente da perdere, più di ultimi non si può stare. Bisogna scrollarsi di dosso questa negatività. Sta solo a noi cercare di uscire da questa situazione, abbiamo le qualità e siamo convinti di poterlo fare. La società sta cercando di rinforzare la rosa e bisogna essere convinti. Io sono il primo ad esserlo, consapevole delle qualità del gruppo e delle difficoltà incontrate fino a oggi. Ma stiamo lavorando per raggiungere il traguardo, con fiducia e positività, cercando di mettere in campo la nostra forza”.

Chiosa finale sul mercato: “Assolutamente sì, sia sotto il punto di vista tecnico che morale. Gente motivata che ha voglia di dimostrare il loro vero valore. Sono convinto che i giocatori che arriveranno, avranno questo spirito. Sotto questo aspetto Vagnati è sempre stato bravo a cercare profili del genere”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy