Milan, parla Giampaolo: “Lavorato sodo per ottenere questa chance. Obiettivo? Vogliamo giocare un calcio affascinante e vincente”

Milan, parla Giampaolo: “Lavorato sodo per ottenere questa chance. Obiettivo? Vogliamo giocare un calcio affascinante e vincente”

Le parole del nuovo tecnico del Milan, Marco Giampaolo, relative all’inizio della sua nuova avventura in rossonero

Inizia l’era di Marco Giampaolo al Milan.

Archiviata la parentesi Rino Gattuso, il club rossonero, è pronto a guardare avanti in vista della prossima stagione. Si ripartirà da Marco Giampaolo, tecnico ex Sampdoria, che proprio nei giorni scorsi ha firmato due anni di contratto con la società meneghina con opzione per la terza stagione. L’obiettivo sarà quello di riportare in alto il Milan, dopo una stagione tutt’altro che soddisfacente. Ne è conscio Marco Giampaolo che, attraverso i canali ufficiali del club, ha parlato delle sue ambizioni fissando i primi obiettivi.

“Ho lavorato sodo per ottenere questa chance, il Milan è il club più titolato d’Europa e tra i più importanti, è una grandissima opportunità. Sono felice e motivato, il percorso è stato e sarà ancora lungo, non si finisce mai di costruire progetti e idee, per ora sono contento di essere in questo grande club. Sono già riposato, non vedo l’ora di iniziare. Serietà, competenza e passione. Ti trasmettono cosa significa essere al Milan, persone di livello e spessore. Poi ho detto che ci conosceremo lavorando insieme, ora possiamo raccontarci di tutto, ma le esperienze sul campo affinano le interazioni. Ma la loro storia racconta molto e la passione è stata contagiosa”.

“La storia del Milan – ha continuato l’ex Sampdoria – dice che il club ha sempre cercato il risultato attraverso la bellezza del gioco, ha vinto titoli proponendo calcio. Non ho la presunzione di paragonarmi a quel Milan, ma la missione dev’essere giocare un calcio affascinante e vincere. Sono in un club dove c’è conoscenza su cosa significhi giocare a calcio. Giocare a San Siro è sempre un’emozione particolare, non a caso è lo stadio più affascinante d’Italia Sono ansioso di entrare dentro Milanello, ho sempre sentito parlar bene delle strutture. Anticiperò di qualche giorno la data del raduno per prendere conoscenza il prima possibile”.

“Negli ultimi anni – ha concluso Giampaolo – il campionato è stato sempre più competitivo, quest’anno col ritorno di Sarri e Conte lo sarà ancora di più. C’è stato un cambio di mentalitù da parte di tante che a San Siro vanno a giocarsela, gli equilibri si sono spostati sui piccoli particolari che possono fare la differenza”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy