Milan-Juventus, Marchisio: “Potrei diventare allenatore. Avrei voluto giocare con CR7. Ritorno in biannconero? Vi dico cosa penso…”

Milan-Juventus, Marchisio: “Potrei diventare allenatore. Avrei voluto giocare con CR7. Ritorno in biannconero? Vi dico cosa penso…”

Le dichiarazioni di Claudio Marchisio, ex centrocampista della Juventus, in merito all’esperienza passata con la maglia dei bianconeri

Marchisio

Manca quasi un giorno alla gara di Coppa Italia tra Milan e Juventus, in programma domani sera alle 20:45.

Una gara di grande importanza per le due compagini, uscite entrambe sconfitte nell’ultima giornata di serie A. Da una parte i rossoneri, battuti per 4-2 nel derby contro l’Inter e dall’altra i bianconeri, sconfitti dal Verona per 2 reti a 1.

Claudio Marchisio, ex centrocampista della Vecchia Signora, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di Dazn, trattando diversi temi riguardanti il periodo passato a Torino, partendo dai numerosi allenatori avuti: “Il primo importante è stato Deschamps. Ero giovanissimo, ha creduto in me in un anno molto difficile come quello della Serie B ed è stata una grandissima iniezioni di fiducia. Ciro Ferrara mi ha dato un’identità in campo. Con lui sono diventato la mezz’ala abile a fare gol che sono stato per anni. Conte è stato importante per tutti, ha riportato nei giocatori l’anima della Juve. Ci ha fatto vincere in campo ma soprattutto dentro, ci ha fatto vincere con noi stessi”.

Sul proprio futuro: “Io allenatore? Ci sono dei momenti che pensi di poterlo fare, perché è stata la mia vita e mi ritrovo ad analizzare le partite coi compagni. Ma analizzare una partita non vuol dire saper fare l’allenatore. Simone Inzaghi mi ha sorpreso veramente tanto, sta facendo davvero bene. Sta dimostrando di essere molto preparato e, di regola, non ci sono così tanti allenatori che facevano gli attaccanti. Il campo mi manca così come mi manca l’odore dell’erba tagliata in primavera, mi mancano i riflettori, il pubblico e anche mettersi una nuova maglietta. Mi manca l’emozione del gol, non ti rendi conto di quanto ossigeno ti esce per fare un gol, è impressionante. Bisogna essere bravi ad assaporare ogni vittoria perché dura un attimo. Come dice Conte, dura molto di più il sapore amaro delle sconfitte. La vittoria che ho assaporato di più? La cavalcata trionfale del primo scudetto”.

Il ritorno alla Juve è una speranza che potrebbe presto concretizzarsi per il “Principino”: “L’addio l’ho maturato durante la riabilitazione. Quindi già vivevo un’altra realtà, stavo più con la famiglia, ero fuori dall’allenamento coi compagni e quello mi ha aiutato a metabolizzare. Ho una società che segue diversi sportivi per aiutarli ad alleggerire tutto ciò che è extra attività agonistica: ormai ogni sportivo è un brand e deve essere seguito a 360° su tantissimi aspetti. Un futuro alla Juve me lo immagino, certo, ma non è detto che avverrà. Sto diversificando per capire quale sarà il mio futuro”.

Su Cristiano Ronaldo, vero trascinatore dei bianconeri: “Giocare con Ronaldo? Sì, mi sarebbe piaciuto. Purtroppo le scelte della propria vita non possono essere legate ai giocatori che arrivano. Il bello è quello che ha portato: ha alzato l’asticella in una squadra che sapeva già come lavorare. Uno che mi ha stupito? Bentancur è cresciuto in maniera importante. E Dybala si è ripreso la sua rivincita, dimostra che è davvero un fuoriclasse”.

Infine Marchisio dice la sua su Paulo Dybala, reduce da un periodo complicato: “La Juve in un’immagine? Un trofeo tutti insieme. Del Piero l’attaccante della Juve più forte mai visto. Dybala tra i primi 5 grandi numeri 10 della storia della Juventus. Antonio Conte l’allenatore della mia squadra ideale. Il numero 8? Deve essere attaccato alla maglia, il sacrificio, perché il centrocampista è sempre in mezzo al tutto, a volte non prende mai gli elogi, ma il suo lavoro è sempre sporco, e la canzone ‘Una vita da mediano’ la rispecchia alla perfezione”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy