Lazio, Radu a 360°: “Record di presenze un orgoglio, ringrazio i tifosi. Futuro? Ho in testa una cosa”

Le parole del difensore biancocelester

lazio

Non avrei mai pensato di entrare nella storia della Lazio.

Queste le parole di Stefan Radu, difensore della Lazio intervenuto in merito al record di presenze con la maglia biancoceleste da lui conseguito, superando Favalli nella classifica all time capitolina. Ai microfoni di Lazio Style Channel, il giocatore rumeno ha parlato in primissimo luogo proprio di questo riconoscimento, sottolineando anche il contributo dei tifosi in questa sua lunga avventura nella capitale. Ecco le sue parole: “Ho sempre detto che è un motivo di orgoglio quello che ho ottenuto. Praticamente non avevo mai immaginato di raggiungere questo importante traguardo. Fascia da capitano? Nel momento in cui il mister aveva deciso di darmi la fascia ho deciso di lasciarla a Lulic. La meritava. Ho sempre detto che non mi sentivo di farlo. Tifosi? Ancora siamo rimasti con il ricordo dell’anno scorso, quando l’Olimpico era quasi pieno in ogni partita. Ti rimangono quelle immagini, sono brividi”.

Lazio, Immobile: “Digiuno da gol? Devo sbloccarmi, l’assenza dei tifosi sugli spalti…”

lazio

Lazio, Inzaghi positivo al Covid-19: l’annuncio via social e il comunicato del club

L’ARRIVO ALLA LAZIO

Ero un ragazzino spaventato. Ero arrivato in un Paese diverso, praticamente ero da solo però ho avuto la fortuna di trovare dei compagni che mi hanno accolto molto bene e piano piano sono diventato uno della famiglia. Pandev e Kolarov mi hanno insegnato tanto. Anche loro erano all’inizio e mi hanno fatto inserire velocemente“.

LA PERDITA DEL PADRE

A Catania dopo l’addio di mio padre è stato un momento delicato. Oggi sono passati 10 anni da quel momento, sono stati momenti particolari. Quando l’ho perso è stato un momento bruttissimo. Non mi nascondo: pensavo di smettere. Avevo un legame forte ed è stato uno shock per me“.

IL FUTURO 

Avevo pensato di smettere. Lo può dire anche il mio procuratore. Avevamo parlato e io gli avevo detto che se c’era una minima speranza sarei rimasto qui. Non mi sentivo di andare via. L’ambiente qui è particolare. Devi sempre pensare a vincere, il tifo è molto tosto. Adesso vivo il momento, ho voglia di giocare e non me lo immagino. Ancora ce la faccio a giocare e penso a quello“.

IL DERBY DI COPPA ITALIA

È stato un giorno che racconteremo per tutta la vita. Anche in questi giorni quando incontro Senad parliamo tra di noi e ci diciamo di quanto tempo si parlerà ancora di questa coppa e di essere entrati nella storia di questa squadra per tutta la vita“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy