Juventus-Hellas Verona, Sarri: “Partita a sprazzi, noi stanchi mentalmente. Ramsey? Deve adattarsi”. E su Dybala…

Juventus-Hellas Verona, Sarri: “Partita a sprazzi, noi stanchi mentalmente. Ramsey? Deve adattarsi”. E su Dybala…

Le dichiarazioni del tecnico bianconero, Maurizio Sarri, al termine della gara contro l’Hellas Verona

Nuovo successo per la Vecchia Signora.

Una Juventus brutta ma fortunata batte in rimonta l’Hellas Verona all’Allianz Stadium, maturando un’importantissima vittoria che gli consente di agganciare – se pur momentaneamente – l’Inter di Antonio Conte in classifica, in attesa derby contro il Milan in programma questa sera alle 20:45. Successo commentato dal tecnico bianconero, Maurizio Sarri, intervenuto in conferenza stampa al termine della sfida.

“Dal punto di vista mentale la squadra poteva essere un po’ stanca, cambiando qualcosa si è fatta una partita a sprazzi. Dybala ha fatto una buonissima partita, Ramsey deve ancora adattarsi, penso sia abbastanza normale. Il nostro centrocampista centrale marcato a uomo poteva fare qualcosa in più in costruzione. Cambiando due uomini su tre a centrocampo rischi di perdere qualche meccanismo. Siamo in fase di costruzione, si perde la tendenza a difendere in avanti. Per una squadra che vuole giocare come noi questo è pericoloso. Abbiamo la necessità di rimanere più corti, altrimenti con il centrocampo a cinque rischi di arrivare tardi e rimanere a metà strada. Nelle pressioni sui tre difensori dovevamo essere più ordinati, oggi le distanze non erano quelle giuste. Ma oggi abbiamo trovato una squadra in salute, andare sotto e poi ribaltare la partita non è stato semplice”.

“Penso sia un discorso di energie mentali – ha continuato Sarri – quando fai la Champions c’è una partita prima e una post, in tre mesi non puoi sbagliare 12 partite. È importante aver fatto punti, siamo stati bravi a ribaltare una partita che si era fatta difficile. Nel secondo abbiamo lasciato la sfida aperta, potevamo gestire meglio la palla”.

Infine, due battute sulla linea difensiva: “Migliorare la linea difensiva richiede tempo, ad Empoli abbiamo preso 25 gol nelle prime 9 partite. A Napoli abbiamo sofferto i primi due-tre mesi, la squadra non ha serenità nell’uscire da dietro quando ci pressano. Il Napoli era simmetrico, questa squadra è diversa. La linea deve migliorare nei movimenti, lo so benissimo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy