Inter-Ludogorets, Bergomi: “Europa League in secondo piano, priorità al campionato. Conte aveva detto che…”

Le dichiarazioni rilasciate dall’ex capitano nerazzurro, Beppe Bergomi, dopo la vittoria in Europa League contro il Ludogorets

L’Inter scoprirà oggi, alle 13.00, la sua avversaria per gli ottavi di finale di Europa League.

La classifica del gruppo F della scorsa fase a gironi della Champions League ha decretato che la squadra del tecnico salentino, Antonio Conte, fosse relegata direttamente ai sedicesimi della seconda competizione europea: una delusione amara per il gruppo e per l’allenatore, il cui obiettivo di inizio stagione sicuramente avrebbe previsto un cammino decisamente più lungimirante.

L’approccio all’Europa League del club di Suning sembra essere meno ferrato dell’interesse, della motivazione e della determinazione con cui gli undici titolari affrontano le sfide di Serie A. Un diktat emanato proprio dall’ex allenatore di Juventus e Chelsea, che ha posto in cima alla lista dei suoi desideri lo Scudetto tricolore. Scelta condivisa o meno dalla dirigenza e dalle ambizioni personali di tutto l’organico, non c’è dubbio che le due sfide di EL siano servite sia per far rifiatare gli uomini impiegati con maggior frequenza in campionato sia per far riprendere il ritmo a chi, nell’ultima parte di stagione, ha disputato pochi minuti. Ciò nonostante, l’Inter ha, comunque, vinto entrambi match rientrando tra le migliori sedici formazioni presenti nell’ex Coppa UEFA.

Europa League, Inter-Ludogorets 2-1: nerazzurri in scioltezza, Conte si prende gli ottavi

Conte lo ha detto, questa coppa permetterà di fare tante rotazioni. Poi dipende anche dal sorteggio che le capiterà, ma rimane comunque in secondo piano per l’Inter fino a quando sarà attaccata a Juventus e Lazio in classifica“. Queste le parole rilasciate ai microfoni di Sky da Beppe Bergomi, ex difensore centrale, nonché capitano, dell’Inter che alla Milano nerazzurra ha dedicato la sua carriera intera.

Inter-Ludogorets, Conte: “Atmosfera strana, siamo stati bravi. Ora andiamo avanti, daremo il massimo”

I preparativi di Maurizio Sarri, alla guida della squadra campione d’Italia, e Antonio Conte sono già in atto ed entrambi gli allenatori sanno che un passo falso può compromettere la classifica dando spazio alla risalita definitiva della Lazio, anch’essa in corsa per lo Scudetto. L’ambiente juventino e quello interista si stanno surriscaldando in vista del derby d’Italia, in programma domenica 1 marzo alle ore 20:45. Il big match, com’è noto, vedrà assente il pubblico a causa dall’emergenza sanitaria nazionale da Coronavirus.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy