Insulti sessisti all’arbitro donna: squalifica di 7 mesi per l’allenatore del Real Stoppari

Insulti sessisti all’arbitro donna: squalifica di 7 mesi per l’allenatore del Real Stoppari

Sara Semenzin, arbitro diciannovenne di Volpago del Montello, presa di mira da tifosi e allenatore durante una partita di seconda categoria nella giornata contro la violenza sulle donne

Ennesimo episodio sessista su un campo di calcio in Italia.

Durante il match di Seconda Categoria veneta – del Girone G -, tra Marchesane e Real Stoppari, andato in scena domenica 25 novembre – durante la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne -, l’arbitro Sara Semenzin della sezione di Castelfranco Veneto, è stata pesantemente insultata dall’allenatore della squadra ospite, James Roggia

Il tecnico del club vicentino, che è stato poi espulso, considerando inadeguate e lesive per la sua squadra le scelta della donna, si è, infatti, rivolto alla diciannovenne invitandola a cambiare lavoro e a “darsi ai fornelli la domenica”.

Espressione che non è passata inosservata ed è stata duramente e giustamente sanzionata dal Giudice Sportivo, che ha squalificato l’allenatore per atteggiamento violento ed irriguardoso nei confronti della direttrice di gara fino al 30 giugno 2019, per 7 lunghi mesi.

A pagare le conseguenze della vergognosa espressione di inciviltà anche le due società, multate per non aver fatto nulla, per calmare le acque ed evitare che gli spettatori si accanissero contro la direttrice di gara.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy