Genoa-Udinese, Gotti: “Adesso pensiamo al calcio giocato. Grifoni cambiati in positivo grazie a Motta. Sul mio futuro…”

Genoa-Udinese, Gotti: “Adesso pensiamo al calcio giocato. Grifoni cambiati in positivo grazie a Motta. Sul mio futuro…”

Le dichiarazioni di Luca Gotti, allenatore ad interim dell’Udinese, in vista della gara contro il Genoa, valevole per l’undicesima giornata di Serie A

L’Udinese si prepara per la delicata trasferta di Marassi contro il Genoa.

Due sconfitte pesanti rimediate contro Atalanta e Roma hanno portato la società bianconera ad esonerare Igor Tudor. Adesso è il momento di Luca Gotti, ex secondo del tecnico croato, scelto momentaneamente per affrontare la difficile gara di domani contro i grifoni, reduci anch’essi da un cambio di coach, con l’arrivo di Thiago Motta al posto di Aurelio Andreazzoli, che è riuscito a dare fin da subito nuova linfa alla compagine rossoblù: “Dopo due sconfitte pesanti e umilianti che hanno portato all’esonero di Tudor adesso diamo la parola al calcio giocato anche per togliere pressione ai ragazzi. È l’unica medicina possibile“.

GENOA – “Il Genoa ha liberato la testa. Il primo tempo contro il Brescia le scorie c’erano e il secondo tempo ha portato a dei cambiamenti. Poi a Torino il Genoa ha giocato bene. Ora tocca a noi, pensiamo a noi. Le partite a Marassi raramente sono lineari, c’è entusiasmo misto a momenti di depressione- ha continuato Gotti, intervenuto in conferenza stampa- noi dobbiamo essere preparati alle difficoltà, ma anche alle opportunità che si presenteranno“.

FUTURO – “Io resterò, sono un collaboratore tecnico e un vice-allenatore un po’ atipico. Io non ho l’ambizione di fare il primo allenatore, l’ho fatto per una dozzina di anni, poi ho avuto una esperienza particolarmente spiacevole che mi ha fatto dire “non voglio fare più questa cosa qua. Voglio continuare a fare quello che faccio adesso, magari in questa società“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy