Genoa, Foschi: “Ballardini è amato dalla piazza, vi spiego. Fiorentina? Ha un giocatore che invidio”

Le parole dell’ex direttore sportivo rossoblu

genoa

Il Genoa ha un ottimo organico, Preziosi non si è mai nascosto nelle difficoltà.

Queste le parole di Rino Foschi, ex direttore sportivo di Genoa Palermo tra le altre intervenuto proprio in merito all’attuale momento stagionale dei rossoblu. Dopo l’avvicendamento in panchina tra Maran Ballardini, la formazione ligure ha cominciato ad ottenere diversi importanti risultati in Serie A. Il rettangolo verde di ‘Marassi’ è tornato ad essere quella fortezza invalicabile ove il Grifone riusciva a costruire negli anni passati gran parte della propria stagione. Sono infatti otto gli scontri casalinghi consecutivi vinti dai genoani, con una serie positiva che non accenna ad interrompersi.

VIDEO Genoa-Fiorentina, Iachini su Prandelli e il ritorno in viola: “Non ci pensavo. Vlahovic? Sono certo di una cosa”

In un’intervista esclusiva rilasciata ai microfoni di Radio Bruno, Foschi ha chiarito il suo punto di vista rispetto alla gestione Ballardini e ad alcune scelte effettuate dal patron Enrico Preziosi. Di seguito le sue parole: “Il Genoa con l’arrivo di Ballardini ha fatto ottimi risultati: lui si trova bene nell’ambiente ed è amato. Adesso sta ottenendo a ottimi risultati con una buona squadra. A me piaceva anche il precedente allenatore, ma senza togliere nulla agli altri, Ballardini si è rimesso in carreggiata. Il Genoa con Preziosi non si è mai nascosto nei momenti di sofferenza, ma non è riuscito a vendere. Quando ha potuto fare un bel mercato sono arrivati momenti importanti. Quest’anno ha fatto una buona squadra, considerando anche l’anno che stiamo attraversando”.

Genoa, Criscito: “Vogliamo la salvezza, Ballardini ha un merito. Strootman? Modello anche per me”

Foschi ha poi chiuso il suo intervento spiegando come è cambiato il ruolo del direttore sportivo oggi e presentando la sfida tra il Grifone e la Fiorentina: “Il calcio ormai è cambiato del tutto rispetto a quando ho iniziato io, 35 anni fa. Ricordo che le figure del direttore sportivo e del presidente erano importantissime, e questi ultimi erano passionali ma senza queste sofferenze sulle spese. Fiorentina? Amrabat mi sembrava veramente importante ma non si è inserito nel contesto. Dico la punta, Vlahovic, sta facendo molto e ha fatto dei gol importantissimi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy