Fiorentina-Juventus, Frey: “Partita importante per due ragioni. Ribery è un fuoriclasse, Dragowski…”

Fiorentina-Juventus, Frey: “Partita importante per due ragioni. Ribery è un fuoriclasse, Dragowski…”

L’ex portiere del club viola presenta la gara tra Fiorentina e Juventus: “Sarebbe bello iniziare a fare punti con la squadra più forte del campionato”

Le opinioni di Sebastien Frey.

(Fiorentina, il bilancio dei Della Valle: spesi 285 milioni in 17 anni, dalla C2 alla Serie A. Commisso…)

L’ex portiere della Fiorentina, intervenuto ai microfoni di Lady Radio, ha parlato dello scontro, valido per la terza giornata del campionato di Serie A, in programma questo weekend tra il club viola e la Juventus, fornendo le proprie sensazioni e indicazioni in vista dell’affascinante gara fra le due compagini in questione. Di seguito le dichiarazioni rilasciate dall’ex estremo difensore della formazione gigliata sull’argomento.

(Fiorentina, Pulgar: “Quando ho capito che la Viola faceva sul serio mi è salita un’ansia terribile. Io cattivo? Mi piace”)

La partita di sabato sarà importante per il risultato e per dare una svolta al campionato. Sarebbe bello iniziare a fare punti con la squadra più forte del campionato. Devo dire che la prima (col Napoli, ndr.) non la chiamerei proprio sconfitta. Sappiamo le decisione arbitrali che sono state prese e portare a casa dei punti era fattibile nonostante il grande avversario. Maledetto VAR: se non lo sfruttano gli arbitri si prendono le loro responsabilità. Devono usarla per prendere decisioni dubbie.

(Fiorentina, Commisso: “Ecco perchè ho comprato il club viola. Futuro Chiesa? Rispondo così”. E su Ribery…)

Ora mi auguro che il mio amico Franck sia al meglio per poter dare una mano alla squadra. Ribery? È un campione, un fuoriclasse. È importante che si sia rimesso in discussione: dimostra la voglia che ha di giocare e divertirsi. È un grande professionista e può dare i consigli giusti ai giovani: il suo acquisto è stato un segnale importante da parte della nuova società. Dragowski? A metà campionato faremo un bilancio sulla scelta presa dalla società. È stata una scelta coraggiosa dopo aver mandato via Lafont, che ha fatto fatica gli altri anni ma si parla di una squadra importante come la Fiorentina: ci sta di non reggere anche se aveva qualità straordinarie. Nelle critiche, che arriveranno perché a Firenze si parla tanto di Fiorentina, ci vorrà qualcuno che lo protegga. Per lui non sarà facile a livello psicologico. A livello tecnico le qualità ce le ha“.

(Sconcerti: “Alla Fiorentina c’è un Montella triste, Piatek va aspettato dal Milan. Il problema della Roma…”)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy