Ferrero: “Sto cercando di vendere la Sampdoria, voglio portare il Palermo dove merita. Io e Mirri…”

Ferrero: “Sto cercando di vendere la Sampdoria, voglio portare il Palermo dove merita. Io e Mirri…”

Il patron dei blucerchiati avrebbe un piano per rilevare il club rosa in caso di Serie D: l’investimento iniziale sarebbe di circa dieci milioni, nei prossimi giorni previsto un blitz in città

Il piano Ferrero prende forma

Chi ha messo gli occhi sulla possibilità di ripartire dalla Serie D acquistando eventualmente il titolo sportivo del Palermo Calcio è già al lavoro per potersi presentare dal sindaco Orlando con tutte le carte in regola, sia quelle richieste dalla Figc che quelle pretese dalla piazza, scottata da una fine ormai prossima e nel recente passato trovatasi in mano ad una proprietà con interessi ben più redditizi in altri club.

Tra questi pretendenti si è fatta strada negli ultimi giorni la figura di Massimo Ferrero, attualmente patron della Sampdoria ed aspirante “salvatore” di un club rosanero praticamente destinato a ripartire dalla quarta serie. L’intenzione del noto produttore cinematografico, però, sarebbe quella di evitare un déjà vu di quanto vissuto ai tempi di Franco Sensi, andando a puntare tutte le proprie fiches solo sulla società siciliana: “Io sto cercando di vendere la Sampdoria, è già noto da tempo – ammette ai taccuini del Il Giornale di Sicilia -. Più di quello che ho fatto lì, non si può. Sono però un uomo del fare, non del dire“.

(Futuro Palermo, Mirri e Sagramola avanzano: Ferrero c’è, Cairo e Preziosi attendono. I cinesi pronto allo sbarco in Sicilia…)

In seguito alla mancata trattativa con Maurizio Zamparini, dunque, Ferrero vede nel Palermo in Serie D una chance considerevole per ripartire dal capoluogo siciliano, con un nuovo progetto che avrebbe una base immediata di 10 milioni di euro per poter realizzare il piano triennale annunciato dal sindaco Orlando qualche giorno fa.

Il patron della società blucerchiata non avrebbe perso tempo nel manifestare il proprio interesse per il club rosanero, sia al Comune che al management attualmente presente in Viale del Fante. Pochi giorni prima del caos relativo alla mancata fideiussione, infatti, il numero uno della Sampdoria avrebbe raccolto delle informazioni sullo stato attuale della società siciliana e sul rischio di una mancata iscrizione al campionato di Serie B. In realtà, però, sarebbe già da più di un anno che Ferrero lavorerebbe ad un possibile approdo in Sicilia ed ora si sentirebbe pronto per tentare l’affondo decisivo:

Se avrò la fortuna, perché la voglia già c’è, di fare quanto ho già fatto nei miei cinque anni alla Sampdoria, allora il Palermo è in una botte di ferro. Se al momento del bando non avrò ancora venduto la Sampdoria, non ci sarà alcun problema: da mesi sono in contatto con Mirri e c’è un rapporto ottimo con lui, da tempo parliamo del Palermo“.

(Futuro Palermo, corsa al titolo sportivo: Mirri in pole, ci sono anche i cinesi. Ferrero: “Sono pronto”)

Ferrero avrebbe in agenda una visita a Palermo nei prossimi giorni e starebbe attendendo con impazienza la pubblicazione del bando per potersi mettere finalmente in corsa, con un progetto che prevederebbe oltre al ritorno immediato tra i professionisti del club rosanero, anche la creazione di un centro sportivo di proprietà e l’ingresso della società nel calcio femminile. L’intenzione dell’attuale patron blucerchiato, soprattutto, sarebbe quella di riportare il Palermo Calcio nei grandi palcoscenici con una scelta chiara e definita:

Di Palermo sono innamorato da sempre, è una città che mi ha fatto crescere in un ambiente simile a quello del calcio, ovvero quello cinematografico. Alle grandi platee sono abituato e proverò, se possibile, a portare il Palermo dove merita“.

(Mirri: “Sono l’ultimo a volere la fine del Palermo. Pronto a costruire un progetto, ho parlato con Orlando. Ferrero e Della Valle…”)

 

Di Valerio Cracchiolo

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy