Di Piazza: “Vogliamo portare il Palermo in Serie A. Baggio il mio idolo, volevo convincere Pepito Rossi”. Su Zeman e la passione per l’Inter…

“Il nostro obiettivo è riportare il Palermo nel calcio che conta. Poi fra quattro anni vedremo se gli assetti della società resteranno questi o se potranno entrare altri investitori che mi hanno già contattato”

Parla il vicepresidente.

Tony Di Piazza, imprenditore italo-americano, detiene il 40% delle quote del Palermo Calcio, con il restante 50% di proprietà della Damir, mentre il 10% è in possesso di Dario Mirri (quota destinata all’azionariato popolare). Di Piazza, che domenica scorsa ha assistito per la prima volta ad una gara ufficiale dei rosanero allo stadio Renzo Barbera ha raccontato ai microfoni de La Repubblica quali sono i suoi obiettivi: “Avevo pensato di rilevare la maggioranza delle quote, ma sarebbe stato problematico gestire tutto contemporaneamente. Oltre i miei affari e il mio impegno in attività sociali e di beneficenza in cui sono coinvolto sarebbe stato difficile fare fronte a tutti gli impegni. Volevo comunque fare qualcosa per la squadra, perché i siciliani che hanno fatto fortuna all’estero non dimenticano mai da dove sono partiti e cosa hanno lasciato. Ho pensato, visto la fiducia che ho in Mirri, che dare una mano essendo in minoranza era il modo più facile per fare parte del progetto senza avere le grandi responsabilità di chi deve gestire e decidere tutto in prima persona. Il nostro obiettivo è riportare il Palermo nel calcio che conta. Poi fra quattro anni vedremo se gli assetti della società resteranno questi o se potranno entrare altri investitori che mi hanno già contattato. Il nostro progetto è ormai noto: vogliamo portare il Palermo in A in tre anni“.

Di Piazza: “L’America per me è stata un’opportunità. Il fatturato della mia azienda…”

Il vicepresidente rosanero ha poi proseguito parlando di allenatori: “Quale tecnico mi piacerebbe avere ale mie dipendenze? Pergolizzi è il migliore allenatore che potessimo avere per il Palermo e ho fiducia in lui e nelle scelte che fanno sia il nostro direttore sportivo Renzo Castagnini che l’amministratore delegato Rinaldo Sagramola, ma se devo rispondere direi Zdenek Zeman. Sia per quello che rappresenta che per il suo calcio divertente“.

Roberto Baggio è il suo idolo: “Lui è il calcio. Era bello vederlo giocare“. Di Piazza, però, questa estate voleva piazzare il colpo Giuseppe Rossi: “Aveva altre ambizioni per la sua carriera“. L’imprenditore italo americano ha anche la passione per l’Inter: “L’Inter era una passione del passato, il Palermo è la squadra della mia terra e il legame con i rosanero c’è sempre stato. Mi piacerebbe festeggiare la promozione come nel 2004 con la festa che abbiamo organizzato a New York con Andrea Gasbarroni e Pietro Accardi. Questa volta però vorrei portare tutta la squadra. Per la verità lo abbiamo già promesso ai ragazzi in caso di vittoria del campionato“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy