Crivello: “Santana un esempio, Mirri nostro primo tifoso. Potenza? Senza tifosi sarà un Barbera strano”

Le parole del terzino rosanero, Roberto Crivello

“È un girone complicato, difficile, forse mai come quest’anno. A parole siamo forti tutti poi è il campo a parlare”.

Parola di Roberto Crivello. Il terzino del Palermo, intervenuto ai microfoni di Trm nel corso della trasmissione “Siamo Aquile”, si è raccontato a 360°. Tanti i temi toccati dal numero 6 rosanero: dalle differenze tra la Serie D e la Serie C, all’assenza di pubblico al “Renzo Barbera” causa Coronavirus, fino al record sancito da Mario Alberto Santana, che è l’unico calciatore ad aver giocato con il Palermo in tutte le categorie.

Di seguito, le sue dichiarazioni.

“I tifosi ci sono sempre stati, hanno fatto capire ai nuovi subito in che squadra siamo. Stadio vuoto? È un calcio strano senza il boato dei tifosi. Questo è uguale per tutti anche se a Palermo avere 20 mila tifosi a sostenerci ci dà molta forza. Il Barbera poi è uno spettacolo specialmente pieno, ma la situazione purtroppo sarà ancora così per un po’ di tempo, sarà triste ma noi penseremo solo alla partita. Differenze tra le due categorie? Tra la D e la C di quest’anno c’è più di una categoria di differenza, dobbiamo essere bravi subito a calarci nella categoria. Ci vuole pazienza, siamo una squadra nuova e non giochiamo da tanto,  per vincere bisogna rimanere uniti. Santana? Gli faccio i complimenti, è uno stimolo per tutti, vederlo presentarsi prima del ritiro tirato e pronto, è un esempio e guardarlo per prender tutte le cose positive. Mirri? Lui è il primo tifoso, non vedeva l’ora che iniziasse il campionato. Ci ha chiesto di stare uniti e dare tutto, speriamo di regalargli una gioia. Tre obiettivi personali? Di non aver rimpianti a fine anno, di essere un esempio per i più giovani e di aver dato tutto ed essere a posto con la mia coscienza”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy