Coronavirus, Prandelli: “Calcio in secondo piano, in questo momento bisogna fare solo una cosa”

Coronavirus, Prandelli: “Calcio in secondo piano, in questo momento bisogna fare solo una cosa”

Le dichiarazioni rilasciate da Cesare Prandelli in merito all’emergenza sanitaria mondiale legata alla diffusione del Coronavirus

“Ho perso tanti amici in questi giorni, gente che ha fatto parte della mia vita in modo importante. Il calcio deve passare in secondo piano”.

Parola di Cesare Prandelli. Il tecnico nativo di Orzinuovi, intervistato ai microfoni del ‘Giornale di Brescia’, ha detto la sua in merito all’emergenza sanitaria mondiale legata alla diffusione del Coronavirus. Una situazione complessa e drammatica che sta inevitabilmente sconvolgendo la quotidianità di ogni singolo cittadino: “In questo momento non si può e non si deve parlare di partite o quant’altro. Questa è l’ora degli investimenti sulla ricerca, sugli ospedali, sulle scuole, sulla natura”.

Non ho sottomano i dati ufficiali, ma i beni informati mi hanno detto che in paese ci sono stati già 90 morti quando di solito ce ne sono un centinaio in tutto l’anno – ha proseguito l’ex tecnico del Genoa -. Mi hanno parlato di 13 funerali in un giorno solo. Alla Protezione Civile ho parenti che sono risultati positivi, uno è un medico. Qui a Firenze è tutto blindato, la gente mi pare rispettosa, esce solo per fare le spese. Io sono andato l’ultima volta dieci giorni fa. I contagiati e i morti sono di meno che al Nord, ma non bisogna abbassare la guardia per non ritrovarci a breve nella stessa situazione. Cerco di distrarmi curando gli ulivi che ho in giardino. Mi sono creato una realtà parallela e faccio finta di fare l’agricoltore. Dalle 18 fino a quando si va dormire, però, in casa mia la televisione è accesa per seguire telegiornali e trasmissioni sul Covid-19. Sempre in attesa di buone notizie, come quelle che mi sono arrivate negli ultimissimi giorni da Orzinuovi dove sembra che contagi e morti siano in diminuzione”.

Un messaggio di solidarietà e vicinanza ai propri concittadini bresciani e a tutta l’ItaliaQuesta è la terza guerra mondiale, nel dramma delle morti c’è poi l’enorme tristezza di non poter nemmeno più celebrare i funerali come andrebbero fatti. I parenti non possono dare un ultimo saluto ai propri cari, che muoiono in totale solitudine. Bisogna sostenere medici e infermieri, che ogni giorno mettono a rischio la loro vita. Niente sarà più come prima, cambierà inevitabilmente la scala dei valori e scopriremo il vero senso dalla vita. Tutte le città in questo momento sono fragili e avrebbero bisogno di aiuto, Brescia sta vivendo un dramma, ma noi bresciani non molliamo mai. Potremo avere tanti difetti, tra i pregi c’è però il temperamento: con quello, rimanendo coesi e rispettando le regole riusciremo a vincere questa durissima partita”, ha concluso Prandelli.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy