Cavese-Palermo, Campilongo: “Quanti ricordi in rosanero! Come battere Boscaglia? Approfitteremo dei loro problemi”

Le dichiarazioni del tecnico della Cavese, Sasà Campilongo, in vista del Palermo

Palermo

Poco più di 24 ore e sarà Cavese-Palermo.

Domani alle 14.30, allo Stadio ‘Simonetta Lamberti’, biancoblu e rosanero si affronteranno per la gara valida per la diciottesima giornata del campionato di Serie C-Girone C: Sasà Campilongo, allenatore della Cavese, ritroverà il Palermo dopo oltre 25 anni. L’ex centravanti – ha indossato la maglia del rosanero nella stagione 1994-95 -, ha raccontato sensazioni e le emozioni che lo stanno accompagnando alla vigilia del suo debutto (da ex) sulla panchina del club campano.

Cavese, l’ex Palermo Campilongo è il nuovo allenatore: debutto contro i rosanero

I RICORDI  – “A Palermo mi sono trovato benissimo: splendida città e grande tifoseria. Ho ricordi bellissimi e tanti amici con cui mi sento ancora.  Umanamente è stata un’esperienza notevole: forse però per la squadra che la società aveva costruito, con me c’era gente del calibro di Iachini, Maiellaro, Taccola, i tifosi si aspettavano a ragione qualcosa in più e quindi da questo punto di vista abbiamo fallito”.

OBIETTIVI – “Il fatto di non aver mai vinto in casa  pesa nella testa dei giocatori, per cui dobbiamo provare a rompere questo tabù. È una di quelle situazioni in cui serve una bella vittoria per sbloccarci e ripartire, al di là dell’avversario di turno”.

LA PARTITA – “Contro il Palermo dobbiamo essere cattivi e molto attenti, perché questa squadra ha subito tanti gol da palle inattive. È su questo che ho lavorato in questi giorni. Di certo giocheremo con 3 giocatori offensivi, anche se non necessariamente col 4-3-3. Il Palermo? Tatticamente può giocare in tanti modi anche perché ha tante gente di qualità, soprattutto in avanti e sulle fasce, penso a Lucca, Rauti, Kanoute o Saraniti. Ma a giudicare dai loro numeri, considerato che hanno vinto solo una volta fuori casa, direi che qualche problemino ce l’hanno pure loro e dobbiamo saperne approfittare”,

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy