Catanzaro-Palermo, Peretti-Accardi in panchina e Palazzi in difesa? I dubbi e le idee di Boscaglia

Il Palermo conta gli assenti, ma a Catanzaro si va all’attacco

palermo

“Il Palermo conta gli assenti, ma a Catanzaro si va all’attacco”.

Titola così l’odierna edizione del ‘Giornale di Sicilia’, che punta i riflettori sulla sfida in programma alle 17.30 allo Stadio “Nicola Ceravolo”. I rosanero, decimati dal Covid-19, tornano in campo dopo ben tre rinvii di fila; le assenze sono tante e alcune anche importanti, dunque Boscaglia, che dovrà rinunciare a gente esperta come Santana, Martin, Somma, Luperini, Silipo, Lancini, Marong e Floriano, ancora una volta sarà chiamato a fare di necessità virtù.

“Ogni reparto ne risentirà ma il tecnico di Gela per quanto visto in questi giorni riproporrà una squadra d’attacco con Saraniti prima punta, Kanoute, Rauti e Valente alle sue spalle. Niente barricate nonostante tutto, si riparte col 4-2-3-1. I due mediani saranno Odjer e Broh, in difesa Almici, Palazzi, Marconi e Crivello. Se l’impiego di Marconi è del tutto comprensibile, molto meno è quello di Palazzi in un ruolo che il centrocampista non ha mai svolto nella sua carriera. Tenuto anche conto che in panchina Boscaglia avrà sia Peretti che Accardi, due difensori centrali”.

Formazione inedita, dunque, per sfidare gli uomini di mister Antonio Calabro, feriti dalla batosta di Terni, 5-1 il risultato finale del match andato in scena al «Liberati». La missione dei rosanero è tutt’altro che facile, soprattutto in virtù del fatto che la squadra, aldilà della situazione Coronavirus, nelle quattro partite giocate non aveva mai dato grandi segnali di identità conquistando un solo punto, quindi “tutto quello che oggi il Palermo riuscirà a racimolare a Catanzaro dopo tre rinvii di fila varrà il doppio. Seppure fosse soltanto un carico di autostima in vista del derby di lunedì sera contro il Catania”, scrive il noto quotidiano.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy