Cappioli-Mediagol: “Fonseca mi piace, Dzeko è top. Roma non da scudetto, l’addio di De Rossi…”

Cappioli-Mediagol: “Fonseca mi piace, Dzeko è top. Roma non da scudetto, l’addio di De Rossi…”

Dopo l’addio di De Rossi, la Roma ha bisogno di ripartire dai giovani per ritornare a vincere: è questa l’idea di Massimiliano Cappioli, ex centrocampista dei giallorossi, che ha parlato in esclusiva ai microfoni di Mediagol.it

Di Daniele Castelli.

La Roma riparte da Edin Dzeko.

Paulo Fonseca sta continuando a lavorare con tutti i suoi uomini per arrivare al top della condizione ai nastri di partenza  del prossimo campionato che si appresta a cominciare: l’obiettivo del nuovo tecnico dei giallorossi sarà quello di far meglio della scorsa stagione, provando a riportare i capitolini in Champions League.

La Roma dovrà però fare a meno di Daniele De Rossi, che al termine della stagione scorsa ha salutato i tifosi dello stadio Olimpico scegliendo di iniziare una nuova avventura con la maglia del Boca Juniors. A commentare l’addio tormentato dell’ex capitano è intervenuto Massimiliano Cappioli, ex calciatore della Roma dal 1993 al 1996, che ha rilasciato le seguenti dichiarazioni in esclusiva ai microfoni di Mediagol.it: “Addio di De Rossi? Prima o poi anche una bandiera deve dire addio, il momento arriva per tutti ma nel calcio prima o poi si deve affrontare un momento di questo tipo”-

Sulla prossima stagione di Serie A: “Vedo bene la Roma, ha tanti giovani fortissimi ma anche tanta esperienza. Con Dzeko che ha rinnovato ed altri tre o quattro giocatori di esperienza, magari prendendo anche un difensore centrale forte per sostituire Manolas che è andato al Napoli, penso che la Roma potrà dire la sua il prossimo anno. Fonseca ha le idee chiare, è una squadra veloce che attacca e che gioca per vincere, speriamo bene“.

Nonostante tutte le big del torneo si siano rinforzate, per Cappioli si assisterà nuovamente ad un campionato a senso unico dominato dalla Juventus:Non penso che la Roma possa arrivare a quei livelli, probabilmente sarà di nuovo un campionato a senso unico. Le altre squadra però si stanno rinforzando acquistando giocatori validi per il nostro campionato, sono arrivati calciatori stranieri davvero forti come accadeva nel passato”.

Infine ha ricordato la rete realizzata nel derby tra LazioRoma nel 1995, gara terminata 3 a 0 in favore dei giallorossi, un momento che resterà sempre indelebile nella sua mente: “Il gol nel derby? E’ il sogno di tutti i bambini nati a Roma, io ci sono riuscito ed è stata un’emozione grandissima anche perché era un Lazio-Roma. Ho fatto gol proprio sotto la Curva Sud”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy