Calciomercato, il Palermo e i 22 milioni per Zaccardo e Barzagli al Wolfsburg: Foschi nel grattacelo della Volksvagen, Magath e le guardie…

Il curioso episodio raccontato dall’ex direttore sportivo del Palermo

barzagli

Rino Foschi racconta alcuni retroscena legati alle cessioni di Zaccardo e Barzagli al Wolfsburg.

Calciomercato, quando il Palermo beffò l’Inter per Kjaer: Foschi e quel viaggio in Danimarca per il centrale del Milan

I due calciatori condivisero l’esperienza al Palermo e quella con la maglia dell’Italia campione del mondo prima di trasferirsi in Bundesliga. In merito proprio alla trattativa che permise ai rosanero di cedere i due calciatori al club della Volkswagen, l’ex direttore sportivo narra un episodio davvero curioso. La chiusura dell’affare avvenne al quattordicesimo piano della sede centrale della stessa Volkswagen grazie alla presenze di un interprete, come conferma Foschi nel corso dell’intervista a grandhotelcalciomercato.com.

Papu Gomez

“Se avessi saputo il tedesco perfettamente non avrei avuto il tempo di riflettere. Volevo 7 milioni di euro. Ero fuori dall’Italia per un altro giocatore e, mentre mi trovavo a Parigi, mi chiama Magath chiedendomi di andare a Wolfsburg per firmare i contratti. Questa persona non aveva mai ricevuto un dirigente italiano. Era un contesto che mi affascinava, tra guardie del corpo e un grattacelo che arriva fino al quattordicesimo piano e, negli ultimi piani, era sorvegliato da alcune guardie. Loro cercavano un giocatore come Toni che potesse dare un’immagine importante del club. Era molto vicino alla Fiorentina per 9 milioni di euro, dissi loro che era un giocatore importante e un campione del mondo. Sparai una cifra: 15 milioni di euro”.

Palermo, l’ex Tedino: “Nel calcio serve pazienza, squadra e staff di livello. Ho un rimpianto”

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy