Cagliari, Joao Pedro: “Felici di questo avvio di campionato, ma restiamo con i piedi per terra. Rinnovo? Non ci penso”

Cagliari, Joao Pedro: “Felici di questo avvio di campionato, ma restiamo con i piedi per terra. Rinnovo? Non ci penso”

Le dichiarazioni dell’attaccante rossoblu, Joao Pedro, relative all’avvio di stagione della sua squadra

Prosegue il momento d’oro del Cagliari.

E’ un Cagliari agguerrito quello che domenica si presenterà allo stadio Olimpico Grande Torino per affrontare gli uomini di Walter Mazzarri nella nona giornata di Serie A. Crescita, quella della compagine sarda, analizzata dall’attaccante Joao Pedro durante una lunga intervista concessa ai microfoni del “Corriere dello Sport” in cui lo stesso si è soffermato sull’avvio di stagione della sua squadra.

“È l’anno del Centenario, è importante per tutti, società, città, per noi che scendiamo in campo. C’erano già giocatori forti, ne sono arrivati altri: quando hai una rosa così si creano i presupposti per fare qualcosa di bello. La felicità per la grande partenza in campionato non è poca, ma il brasiliano chiede a tutti di mantenere l’umiltà: “Siamo quinti, veniamo da sei risultati di fila, è tutto meraviglioso, ma noi dobbiamo rimanere con i piedi per terra. Il campionato è fatto di alti e bassi, siamo all’inizio. Ci sono da giocare 30 partite, dovremo fare il massimo in ognuna”. 

Il classe ’92 si è infine soffermato sul suo futuro e sui suoi obiettivi stagionali: “Al Cagliari ho dato tutto me stesso e continuerò a farlo. Per adesso non penso al rinnovo del contratto, qui mi sento a casa. Ho iniziato la stagione con un solo obiettivo: dare il massimo in ogni allenamento e in ogni partita, vivere un anno speciale per me e per il Cagliari. Non sono cresciuto da tifoso rossoblù né sono cagliaritano, ma ho imparato a capire cosa prova la nostra gente. Vogliamo farli divertire. E’ vero che Neymar voleva portarmi al Barcellona? Magari l’avesse fatto (ride, ndr)… Solo una battuta”. 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy