Bologna-Inter, Mihajlovic: “Soriano convocato per tre panchine, illogico. Conte? Ho una cosa da dirgli”

Le dichiarazioni del tecnico dei rossoblu

inter

Inter? Anche noi abbiamo bisogno di punti.

Queste le chiare parole di Sinisa Mihajlovic, rilasciate nel corso della canonica conferenza stampa della vigilia di Bologna-Inter. Il tecnico della formazione emiliana è stato molto esplicito nei riguardi dei nerazzurri, ai quali aspetta una sfida certamente complicata e piena di numerose insidie. Prima di intervenire in merito al match contro la franchigia di Antonio Conte, l’ex centrocampista ha voluto chiarire alla stampa la situazione di Roberto Soriano. Il trequartista dei rossoblu è stato convocato dalla Nazionale di Roberto Mancini per i tre impegni di qualificazione mondiale, senza però giocare nemmeno un minuto.

Inter: Vecino negativo al tampone, D’Ambrosio e de Vrij ancora positivi. La situazione in vista del Bologna

bologna-sampdoria

Ecco le sue parole, legate in primissimo luogo alle panchine riservate in azzurro al suo pupillo offensivo:”Se fosse stato molto attento alle vicende del Bologna, Mancini non avrebbe portato Soriano per fare tre tribune. Non mi attendevo zero minuti in tre gare: lui è il miglior centrocampista italiano e non mi è parso giusto. Averlo saputo, era meglio se fosse rimasto con noi: non mi è piaciuto, parlo da allenatore del Bologna e da amico di Mancini. Tre tribune contro… chi? E dagli soddisfazioni, ha fatto nove gol, tanti assist. Fallo giocare. Se io fossi stato Soriano l’avrei mandato a quel paese: con tutto il rispetto per la nazionale e Mancio”.

Bologna-Inter, Conte: “Mai semplice dopo la sosta, ma ora serve pedalare. Turnover? Sono tutti pronti”

LA SFIDA CONTRO L’INTER

“Se è una gara decisiva anche per noi? Tutte due le squadre hanno da guadagnare e da perdere. L’importante è cercare di vincere e di non perdere, e magari a volte perdi pure la faccia come successo contro la Roma. L’importante è salvarsi. Stanno bene tutti, a parte Skorupski positivo al Covid, Hickey e Mbaye, con De Silvestri che ha un problemino al polpaccio: abbiamo un po’ di difficoltà dietro ma undici riusciamo a raccattarli. Il gioco? Il Bologna non vuole fare altro: noi abbiamo la nostra identità e la teniamo anche contro l’Inter. Lo facciamo sia giocando con loro che col Borgo Panigale. Negli ultimi anni là con loro abbiamo saputo vincere, si può far tutto. L’atteggiamento mentale con l’Inter non si può sbagliare, sennò vai a fare altro. E l’atteggiamento dei primi tempi nelle ultime due gare mi ha fatto arrabbiare: infatti oggi gli parlerò. Se non hai l’atteggiamento giusto perdi con tutti, ma basta sbagliare atteggiamenti sennò succede un casino. Togliere qualcuno all’Inter? Lukaku e Lautaro: poi me la gioco. Sono curioso di vedere il duello Lukaku-Soumaoro”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy