Bollino: “Palermo in Serie D è una tragedia sportiva. Mio ritorno? Difenderei la maglia rosanero come nessun altro”

Bollino: “Palermo in Serie D è una tragedia sportiva. Mio ritorno? Difenderei la maglia rosanero come nessun altro”

“Sarebbe un onore per me, qualora dovesse arrivare una chiamata da parte della nuova società. Rifiuterei tutte le proposte che sto ricevendo in questi giorni”

Il Palermo in Serie D è veramente una tragedia sportiva“.

Inizia così l’intervista rilasciata da Mauro Bollino, ex attaccante della Primavera rosanero, rilasciata ai microfoni de Il Giornale di Sicilia. Il classe 1994 nella scorsa stagione ha militato nel Bari in Serie D, categoria dalla quale ripartirà il ‘nuovo Palermo‘, a seguito delle vicende societarie e alla mancata iscrizione al campionato di Serie B. Con la maglia dei galletti, Bollino ha totalizzato 11 presenze tra campionato e coppa, poi è stato costretto a fermarsi a causa di un infortunio: “Rosanero in D? Da palermitano fa male, ma anche da appassionato di calcio in generale, perché eravamo abituati a vedere quei colori in piazze ben più prestigiose. Sono però sicuro che la squadra tornerà dove merita di stare“.

La quarta serie italiana è piena di insidie, un campionato da non prendere sottogamba: “Anche loro (il Bari, ndr) erano reduci da un fallimento e in certi casi dover ripartire dal basso non è necessariamente un male. Oggi infatti il Bari è in Serie C e sappiamo tutti che squadra sta facendo per affrontare questo campionato. Allo stesso modo, chi viene a Palermo sa bene dove si trova e quale sia l’obiettivo di tutti, ovvero riportare questa piazza in alto“.

Accardi e Mazzotta, ma anche altri ex giocatori rosanero, hanno dato la loro disponibilità a ripartire dalla D col Palermo. A loro si aggiunge anche Mauro Bollino: “Sarebbe un onore per me, qualora dovesse arrivare una chiamata da parte della nuova società. Rifiuterei tutte le proposte che sto ricevendo in questi giorni, anche perché sto tentennando proprio in attesa di un’opportunità di questo tipo. Stare così tanti anni fuori senza mai poter tornare, per me, è difficile. Anche perché indossare la maglia del Palermo al Barbera rimane un mio sogno. Poi, lo dico senza presunzione, da palermitano sarei pronto a difenderla come nessun altro“.

Infine, Bollino si è soffermato sull’unica sua presenza in Prima Squadra con la maglia rosanero: “Quello era un Palermo stellare, c’erano Miccoli, Ilicic, Balzaretti, Migliaccio e chi più ne ha più ne metta. Non è detto però che non si possa tornare a quei livelli, o addirittura fare meglio. Dipende dalla nuova proprietà e dai giocatori che arriveranno, che devono capire cosa significhi giocare per il Palermo“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy