Bari-Palermo 0-1: rosanero belli e audaci, Floriano firma dal dischetto il meritato vantaggio. Commento primo tempo

Palermo avanti al termine di un bel primo tempo al San Nicola di Bari

Palermo

Blasone e tradizione senza tempo, una scia gloriosa e parallela, memoria di antichi fasti.

Bari e Palermo cercando brandelli di sé stesse sul manto erboso del San Nicola. Nobili decadute del panorama calcistico nazionale che annaspano nel purgatorio della Serie C. Regine designate del girone meridionale incapaci di fare la voce grossa.

Un percorso tortuoso, a tratti stentato, non privo di inciampi e ruzzoloni rovinosi. Stagione nettamente al di sotto di ambizioni e aspettative della vigilia. Campionato deludente per entrambe le big, annata controversa e opaca caratterizzatia da genesi, dinamiche e contingenze diverse.

Filippi conia l’ormai consueto 3-4-2-1 per cercare una prestazione di livello ed un risultato di prestigio. Fare bottino pieno al cospetto della compagine pugliese, corazzata dalla notevole cifra tecnica per gli standard della categoria, conferirebbe autostima e slancio in vista del rush finale della stagione.

Pelagotti tra i pali, Accardi, Peretti e Marconi a comporre la linea difensiva, Almici e Valente esterni alti, Luperini e De Rose interni, Kanoute e Floriano tra le linee a sostegno di Rauti terminale centrale del reparto offensivo.

La partita è estremamente godibile e vibrante fin dalle prime battute. Nessuna alchimia tattica esasperatamente conservativa in fase di non possesso, Bari e Palermo se la giocano a viso aperto, mostrando indole propositiva e buona qualità nella circolazione della sfera.  La prima chance è di marca rosanero: Rauti svetta su un corner da destra e chiama Frattali ad una parata ad alto coefficiente di difficoltà.

I pugliesi rispondono da par loro poco dopo: Antenucci attacca alle spalle la linea difensiva alta della formazione ospite su un lancio dalle retrovie, il bomber calcia in modo secco ma scolastico e Pelagotti si oppone con qualche affanno in presa bassa.

De Rose scaglia un destro velenose dalla distanza e Frattali sventa la minaccia deviando in corner

Il Bari tende ad allungarsi un po’ ed i rosanero ripartono in modo armonioso ed incisivo, sfruttando al meglio gli spazi. I giocatori di gamba e propensi alla percussione, Almici e Valente sulle corsie, Floriano e Kanoute sulla trequarti, infieriscono sulla scarsa densità della squadra di Carrera creando una serie di potenziali occasioni da rete. .Proprio da una ripartenza di Floriano, seguita dal velo di Rauti e da una sponda di Luperini, Kanoute trova il tempo dell’inserimento e viene steso in area da Marras. Il calcio di rigore, piuttosto netto, concesso dall’arbitro viene trasformato dall’ex di turno che firma il vantaggio rosa. Di Cesare protesta e si becca il cartellino giallo dall’arbitro, il secondo del match in casa pugliese dopo quello comminato a Candellone.

Il gol ha l’effetto di un ulteriore psicotonico per gli uomini di Filippi: la compagine siciliana copre molto bene il campo, pressa con armonia e sincronismi lodevoli sulla trequarti offensiva, togliendo fiato e metri ai padroni di casa. Accardi spende un fallo tattico e rimedia l’ammonizione. Il Palermo riesce a rubare spesso la sfera in zona calda ed a distendersi con armonia e pericolosità. De Rose e Luperini conquistano con vigoria il possesso in zona nevralgica ed innescano Floriano, sterzata dentro al campo ed assist per Kanoute che calcia da buona posizione ma non centra il bersaglio.

La prima frazione termina con la formazione ospite meritatamente in vantaggio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy