Atalanta, Gosens rivela: “Chiesi la maglia a CR7, ma lui rispose in un modo inaspettato”

Le parole dell’esterno nerazzurro

Atalanta

Volevo avere la maglia di CR7, ma uscii a mani vuote.

Serie A, Pasquale Bruno: “Alla Juventus simulano tutti. Da Chiesa a Morata. Nedved? Pallone d’Oro dei simulatori”

Queste le parole di Robin Gosens, che racconta un curioso episodio verificatosi in uno dei tanti confronti tra Atalanta Juventus. L’esterno offensivo della compagine bergamasca – in occasione del rilascio della sua biografia ‘Vale la pena sognare’ – ha rivelato alcuni retroscena presenti all’interno del suo libro. Tra questi proprio l’incontro con CR7, asso dei bianconeri al quale il tedesco ha voluto chiedere la maglia al termine di un incontro nella stagione 2018/19 di Serie A. La risposta del portoghese non è stata positiva e ha generato in Gosens un insolito senso d’imbarazzo che il classe ’94 ha voluto raccontare nei dettagli.

Atalanta, Gosens svela: “Avevo l’accordo con lo Schalke, ma la Dea non mi lasciò partire”

Ecco le sue parole: “Dopo la partita contro la Juventus, ho cercato di realizzare il mio sogno di avere la maglia di Ronaldo. Dopo il fischio finale sono andato da lui, non sono nemmeno andato dal pubblico per festeggiare , ma Ronaldo non ha accettato. Gli ho chiesto: Cristiano, posso avere la tua maglietta? Non mi ha nemmeno guardato, ha detto solo no. Ero completamente arrossito e mi vergognavo. Sono andato via e mi sono sentito piccolo. Hai presente quel momento in cui accade qualcosa di imbarazzante e ti guardi intorno per vedere se qualcuno l’ha notato? È quello che ho provato e ho cercato di nasconderlo”.

Juventus-Napoli, Santacroce: “Si doveva giocare all’andata. Pirlo e Gattuso, Allegri e Sarri. Vi dico tutto”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy