Aleesami: “Adoro Palermo, spero torni in Serie A. In Italia ho vissuto uno shock, ecco cosa è successo”

Aleesami: “Adoro Palermo, spero torni in Serie A. In Italia ho vissuto uno shock, ecco cosa è successo”

“Ho detto che ho visto i giocatori fumare e cose del genere. In Scandinavia è assolutamente vietato. Se fumi non ti considerano un calciatore”

Non ho mai parlato male del Palermo“.

A dirlo è Haitam Aleesami, ex terzino rosanero, ai microfoni di Tuttomercatoweb. Il calciatore norvegese che milita nell’Amiens ha chiarito quanto detto in un’intervista di qualche settimana fa (CLICCA QUI): “Mi hanno chiesto delle cose strane che ho visto nella mia carriera. Il mio primo giorno a Palermo ho avuto un choc culturale. Ho detto che ho visto i giocatori fumare e cose del genere. In Scandinavia è assolutamente vietato. Se fumi non ti considerano un calciatore. Le mie intenzioni non erano di parlare male del club. Quando certe affermazioni arrivano da uno straniero che non gioca più in un determinato posto è chiaro che qualcuno possa arrabbiarsi. Però io adoro Palermo, la cultura, il cibo e la piazza. Ho molti amici e mi piace molto la passione che la gente ha per il calcio e per la squadra”.

Infine Aleesami ha poi concluso soffermandosi sulla gestione della vecchia società, che a suo dire, non era corretta: “Non ho nulla contro l’ex società, perché tutti sono stati gentili e si sono comportati bene. Però non posso essere d’accordo sui modi di gestione del club. Spero che il Palermo possa tornare al più presto in Serie A”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy