Albanese: “Sono preoccupato, consapevoli che la situazione è grave e seria. Ecco cosa faremo…”

Albanese: “Sono preoccupato, consapevoli che la situazione è grave e seria. Ecco cosa faremo…”

Le parole del presidente rosanero al termine del consiglio di amministrazione svoltosi nella mattinata odierna

L’iscrizione del Palermo alla prossima Serie B è sempre più a rischio.

Nella giornata di domani dovranno essere inviati ulteriori documenti alla Figc per attestare il budget del club e i vari versamenti effettuati nell’ultimo periodo.

Il presidente rosanero Alessandro Albanese, a margine della riunione del Cda svoltasi negli uffici del “Renzo Barbera“, ha confermato che bisognerà attendere questa sera per capire se iniziare una battaglia legata al mancato invio della fideiussione. Bisognerà prima controllare tutte le carte e inviare alla Figc la documentazione completa concernente il budget.

“Indice di patrimonializzazione? Non lo facciamo noi e non lo fa la Covisoc ma si trova attraverso un calcolo matematico. Prima era pari a 8,3 milioni di euro, poi a seguito di aggiustamenti di natura contabile è sceso a 8,2 milioni. Possono essere immessi con del denaro (aumento di capitale o apporto di capitale) o con i proventi derivanti dalle plusvalenze del calciomercato. Siamo al 26 giugno? È possibile che l’azionista abbia fatto una serie di versamenti che avrebbe consegnato il 24. Adesso il problema principale è che la squadra possa venire iscritta, da amministratore posso solo dire che quello che stiamo verificando è tutto questo. L’azionista ha fatto tutti i pagamenti entro il 24? Va benissimo. Non li ha fatti? Vediamo quali saranno le conseguenze. Dobbiamo aspettare fin quando non avremo le carte sul tavolo perché il budget va inviato tra domani e dopodomani. Voglio far capire che il Cda di oggi era già convocato da due settimane, oggi noi dobbiamo scoprire se sono stati assolti tutti gli adempimenti entro il 24 giugno. Fideiussione? Possiamo iniziare una guerra solo se confermiamo che il problema è stato causa di forza maggiore, altrimenti i provvedimenti saranno altri. C’è la consapevolezza che la situazione è seria e grave, sono attento e mi rendo conto che dobbiamo affrontare un problema che deve essere risolto. Nell’ambito di queste cose ho la mia preoccupazione, legittima direi, come tutti coloro che affrontano qualsiasi altra attività. Questa è particolare perchè ha un impatto sulla città e racchiude i colori rosanero, quindi posso confermare di essere preoccupato. A quando le risposte? Entro 12 ore avremo le risposte che cerchiamo, io tra questa sera e domani mattina prenderò le mie determinazioni che valgono comunque un quinto del consiglio di amministrazione. Ripeto che gli apporti di capitale ci sono stati, per circa 7 milioni”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy