Agliardi: “Felice che il Palermo stia puntando su Ricciardo, è un uomo spogliatoio. Mi ricorda Caracciolo per…”

Agliardi: “Felice che il Palermo stia puntando su Ricciardo, è un uomo spogliatoio. Mi ricorda Caracciolo per…”

L’ex portiere rosa, che ha giocato assieme a Ricciardo lo scorso anno a Cesena, traccia l’identikit del nuovo bomber dei siciliani ma non solo: “Nell’anno vissuto insieme, seguivamo il campionato del Palermo, che ora dovrà calarsi nella giusta mentalità”

Un vero e proprio “bomber” di categoria, ma non soltanto.

Giovanni Ricciardo è l’uomo sul quale il “nuovo Palermo” ha deciso di puntare in attacco per ottenere i gol necessari alla risalita dalla Serie D e, secondo chi lo ha visto giocare da molto vicino, non poteva esserci scelta migliore da parte della dirigenza del club siciliano.

(Ricciardo: “Non potevo rinunciare al Palermo, ho rifiutato anche il Messina. Serie D? Ci aspetteranno al varco”)

La scorsa stagione, con ben 20 reti in 29 presenze, ha contribuito pesantemente al ritorno fra i professionisti del Cesena, che all’interno del proprio organico ha ancora il portiere ex rosanero, Federico Agliardi. I due hanno condiviso lo spogliatoio nella passata annata e l’estremo difensore bianconero, intervistato da Il Giornale di Sicilia, non può che esprimere parole d’elogio per il nuovo centravanti della formazione palermitana:

È un ragazzo d’oro, un uomo spogliatoio che lega subito con il gruppo. Da questo punto di vista non credo possa avere problemi. Sono contento che abbia avuto la possibilità di giocarsi le proprie carte in una piazza come Palermo, che merita ben atri palcoscenici. Sa già cosa lo aspetta“.

(Ricciardo: “Ecco com’è nata la trattativa col Palermo, non ci ho pensato un istante. Il nostro obiettivo…”)

Per quanto concerne le caratteristiche tecniche, Agliardi fa un paragone molto diretto, basato non soltanto su questioni legate all’imponente statura: “Sembra Caracciolo. Me lo ricorda per fisicità, essendo magro e alto. È dotato pure di una buona tecnica, ha fatto diversi gol in acrobazia. È la classica prima punta. Non molto robusto, ma alto e prezioso anche sui calci d’angolo in fase difensiva. Poi per quanto riguarda la fase realizzativa è dotato di una discreta coordinazione e l’anno scorso con noi ha fatto veramente bene. Sono molto felice che il Palermo abbia deciso di puntare su di lui, un ragazzo eccezionale oltre che un attaccante esperto“.

Ricciardo avrà anche uno stimolo in più per far bene nel capoluogo siciliano, ovvero quello del rientro nella propria terra d’origine dopo due anni e, seppur a distanza, ha seguito le burrascose vicende del club di viale del Fante: “Più che altro – precisa Agliardinell’anno vissuto insieme, seguivamo il campionato del Palermo. Da siciliano, però, per lui sarà un orgoglio rappresentare i colori rosanero“.

Con la sua esperienza nella categoria dilettantistica, inoltre, il nuovo attaccante dei rosanero potrà certamente aiutare i propri compagni a superare le insidie presentate da un campionato ostico come quello di Serie D: “Il Palermo dovrà calarsi nella giusta mentalità – conclude Agliardie Gianni ce l’ha. Qualsiasi avversario scenderà in campo sapendo di avere un’occasione più unica che rara e ci sarà da battagliare, non sarà affatto semplice. Sono certo che trasmetterà questa mentalità ai suoi nuovi compagni“.

(VIDEO Palermo, un grande arrivo e uno storico ritorno: Ricciardo e Santana vestiranno rosanero)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy