Accardi: “Non avrei mai lasciato il Palermo, voglio riportare in A questi colori. Pergolizzi un grande uomo, il gol annullato…”

Accardi: “Non avrei mai lasciato il Palermo, voglio riportare in A questi colori. Pergolizzi un grande uomo, il gol annullato…”

Le parole del giovane difensore rosanero che nonostante la retrocessione in D non ha mai esitato riguardo la possibilità di vestire la maglia rosanero

Andrea Accardi e il destino rosanero.

Ricciardo con i piedi per terra: “Niente voli pindarici, il campionato è lungo. Biancavilla? Nessuna rivincita”. E su Sforzini…

Il giovane difensore palermitano non ha mai pensato di abbandonare la squadra della propria città nonostante la retrocessione in Serie D. il calciatore classe ’95, attraverso l’edizione odierna de ‘Il Corriere dello Sport‘, ha parlato della sua decisione di restare in rosanero e si è proiettato alla gara di domenica contro il Biancavilla.

Cittanovese, Franceschini e il paragone tra Bari e Palermo: “C’è differenza tra le due squadre. Il club rosa in D…”

“Non avrei mai abbandonato il Palermo, anche perché ho l’età per rifare il percorso e tornare in A con gli stessi colori. Primo incontro con il presidente, ero scuro in volto? Mi allenavo da solo e i miei ex compagni stavano partendo per il ritiro e non vedevo l’ora di chiudere la trattativa. C’era solo un po’ di delusione. Non sono mai stato tentato dall’andare via, a Fiordilino confidai che sarei rimasto. Con Luca ci sentiamo tutti i giorni. Sono entrato nel Palermo a dieci anni e dopo poco tempo sono arrivati Fiordilino e La Gumina. A diciannove sono andato in prestito al Trapani e al Modena, senza staccare il cordone ombelicale e con la voglia di tornare. Non discuterò mai le scelte del tecnico, se vorrà giocherò anche in porta. Lancini e Crivello formano una coppia di altra categoria. Autogol contro il San Tommaso? Sono episodi insignificanti, non ho pensato che ai tre punti e poi mi sono riscattato in Coppa contro il Biancavilla nonostante la sconfitta ai calci di rigore. Gol annullato contro la Cittanovese? Ho vissuto comunque un’emozione straordinaria. Ora so cosa voglia dire segnare, vedere la palla che rotola in rete con lo stadio che si perde in quel magnifico boato… Sono saltato subito verso la curva e ho capito che c’era qualcosa che non andava, mi sono girato e ho notato che nessuno era venuto ad abbracciarmi. Unica macchia che domenica vogliamo cancellare. Pergolizzi? È un uomo sincero e questa è la caratteristica che più apprezzo di lui. Svelo un segreto: a giugno 2021 mi sposerò con Alessia, il miglior regalo di nozze sarebbe quello di vedere i Rosa in B”.

Acr Messina, Bruno: “A Napoli ero il pupillo di Reja, che ricordi in Europa League! Serie D? Il Palermo non mi fa paura”

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy