Euro 2020, Israele è fuori ma è super Zahavi: l’ex Palermo segna più di CR7 e Kane! Quando è arrivato in Cina…

Euro 2020, Israele è fuori ma è super Zahavi: l’ex Palermo segna più di CR7 e Kane! Quando è arrivato in Cina…

Un’evoluzione sul piano tattico e una progressiva maturazione calcistica, hanno consentito all’israeliano, arrivato a Palermo come erede di Pastore, di mettere a frutto tutto il suo talento sia in Nazionale che con il suo nuovo club in Cina

“Da Rishon LeZion, Israele, a Canton, Cina, ci sono oltre diecimila chilometri di strada, un percorso lungo quanto la carriera di Eran Zahavi, capocannoniere delle qualificazioni a Euro 2020 con 11 reti, tre più di Harry Kane, capitano dell’ Inghilterra, e quattro più di un certo Cristiano Ronaldo”.

Scrive così l’odierna edizione di Tuttosport. D’altra parte, l’attaccante trentunenne, con un passato in Serie A e un presente in Cina, continua a stupire ancora: dopo aver conquistato a suon di gol il popolo cinese, Eran Zahavi, al comando della classifica dei marcatori della qualificazioni a Euro 2020, quest’anno ha colpito ancora, mettendo a segno ben 11 reti con la maglia della sua Nazionale. Numeri che non sono passati inosservati, ma che al contrario hanno acceso le luci dei riflettori intorno all’ex Palermo.

La sua avventura in rosanero durò appena due stagioni, dal 2011 al 2013, collezionando solo 26 presenze e due gol, per quella che può essere definita una meteora del calcio italiano. Ma dopo aver deciso di lasciare il nostro calcio, forse sprecando quell’occasione che gli avrebbe permesso di fare un ulteriore salto di qualità, dal 2013 ad oggi Zahavi ha gonfiato le reti di mezzo mondo. Tornato a Tel Aviv, sponda Maccabi, esplodendo nel ruolo di trequartista o prima punta a seconda delle occasioni e questa volta le reti sono 97 in 118 match. Nel frattempo, diventa capitano dell’Israele, con cui ha messo insieme 50 presenze e 19 gol, poco per un goleador così caldo, così il 2 settembre 2017, infatti, dopo la partita persa in casa contro la Macedonia per Russia 2018, sotto i fischi del pubblico, ha lanciato a terra la fascia. Sospeso dalla Federazione è tornato a giocare con la maglia d’Israele solamente l’ anno successivo.

Tre anni fa è stato acquistato dal Guangzhou Fuli Zuqiu Julebu, ed è proprio tra le fila del club di Canton che il fantasista classe ’87 è tornato a far parlare di sè: dopo essere stato il capocannoniere della Chinese Super League con 27 gol in 30 partite, cui si aggiungono 8 assist e altre 4 reti in altrettante partite di Coppa di Cina – nella stagione 2017 -, nello stesso anno ottiene il quinto posto finale in classifica con la sua squadra, arriva alla semifinale di Coppa di Cina, dove mette a segno 4 gol in 4 partite.
Qualcuno – scrive il noto quotidiano – l’ha definito il calciatore israeliano più forte di tutti i tempi, dimenticando che in nazionale il cannoniere è Mordechai Spiegler, ex PSG e New York Cosmos, con 25 gol. Una cosa, però, è certa: se continuerà a segnare con questa costanza potrà insidiare il record di Spiegler e scrivere il suo nome a caratteri di fuoco e cuoio su quella maglia che credeva persa per sempre.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy