Napoli, Ounas: “Ci aspettano tre partite complicate, sono pronto ad aiutare la squadra. Ancelotti…”

Napoli, Ounas: “Ci aspettano tre partite complicate, sono pronto ad aiutare la squadra. Ancelotti…”

Il giovane attaccante azzurro torna a parlare della brutta sconfitta contro la Sampdoria: “Abbiamo perso, è vero, ma può capitare. Restano ancora tante partite e dobbiamo fare meglio”

A pochi giorni dalla regolare ripresa del campionato, in casa Napoli si continua a parlare della pesante sconfitta contro la Sampdoria.

La disastrosa trasferta di Genova ha, infatti, evidenziato le lacune e i problemi della squadra di Carlo Ancelotti, che sta lavorando per rimettere ordine al gruppo e ristabilire quell’equilibrio fondamentale che serve per non sfigurare sia in Serie A che in Champions League. 

Fiducioso sulla ripresa del club azzurro, il giovane attaccante Adam Ounas, che intervenuto ai microfoni di Radio ‘Kiss Kiss Napoli’, si è così espresso: “Contro la Samp abbiamo perso, ma può capitare. Loro hanno giocato molto bene, poi restano tante partite nella stagione e dobbiamo fare meglio. Nel corso della gara il mister mi ha fatto entrare per provare a saltare l’uomo, a fare un po’ di differenza e ho provato a farlo. Il mister parla a tutti i giocatori e questa cosa mi dà fiducia, spero che continueremo a lavorare così in allenamento per giocare bene sabato. Abbiamo tre partite complicate, la Fiorentina sabato e dobbiamo fare meglio che a Genova. Dobbiamo provare a trovarci meglio, poi vediamo la gara di martedì. Noi facciamo un buon lavoro nell’allenamento, perdere una partita non è la fine del mondo, dobbiamo continuare a lavorare in vista di sabato”.

Su Ghoulam: “L’ho visto tornare ieri sul campo con noi, l’ho visto molto bene, è presto per vederlo in campo ma spero che torni quanto prima, abbiamo bisogno di lui. Mi piace giocare a destra, ho giocato lì anche in Francia, ma se devo giocare a sinistra non dico no. Giocare a destra però mi piace molto. Dobbiamo giocare il nostro calcio, abbiamo lavorato per questo, la squadra ha fatto un grande lavoro per giocare così e sabato dobbiamo far vedere che ci siamo ancora. L’anno scorso non ho giocato molto, già ora sono arrivato alla metà del tempo complessivo giocato l’anno scorso. Sono pronto ad aiutare la squadra quando entro e quando gioco dall’inizio”.

Sulle gare di Champions: “Se perdi la prima poi è difficile perché abbiamo un gruppo composto da belle squadre. Sfide col PSG? Ho giocato contro di loro in Serie A francese, loro hanno una squadra bellissima, ma possiamo vincere, dobbiamo farlo vedere in campo. Abbiamo dei tifosi bellissimi, è un’emozione quando entri in campo, loro ti aiutano a riprendere gamba quando sei stanco e li dobbiamo ringraziare. Malcuit? Ho già giocato in passato contro di lui, è molto fisico, bel giocatore. Se l’hanno comprato a Napoli vuol dire che ha un certo livello – ha aggiunto -, lui deve far vedere all’allenatore durante l’allenamento. Francia campione del mondo? Hanno una bella squadra, all’inizio avevo scommesso con gli amici e avevo detto Brasile, ma la Francia ha portato la Coppa nel suo Paese, va bene per loro! Io quando sono tornato dalle vacanze, ho parlato con Ancelotti, volevo restare, poi nella scorsa stagione ho visto che non giocavo quasi mai. Mi hanno detto di restare – ha concluso il classe ’96 –“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy