Napoli, Milik-Chievo non è utopia. Il polacco: “Non escludo il prestito in un altro club”

Napoli, Milik-Chievo non è utopia. Il polacco: “Non escludo il prestito in un altro club”

L’attaccante azzurro, attualmente alle prese con il suo grave infortunio, non si opporrebbe a un trasferimento in prestito durante il mercato di gennaio

Arkadiusz Milik al Chievo Verona? Si può fare.

Una trattativa che fino a qualche giorno fa sembrava vera e propria utopia adesso sta prendendo forma e ricevendo diverse conferme: si tratterebbe, durante la sessione di calciomercato invernale (a gennaio) di uno scambio tra il polacco e (con l’arrivo anticipato dai clivensi a Napoli) di Roberto Inglese, acquistato per una cifra intorno ai 10 milioni di euro dai partenopei ad agosto.

(Il tackle di Franco Baresi: “Messi è da Playstation, Maradona non ha mai segnato quanto lui”)

Uno scenario ipotizzato dalla dirigenza azzurra e confermato dal presidente De Laurentiis, che ora trova il benestare anche dell’attaccante, fermo ai box per la rottura del crociato, che alla tv polacca WP ha spiegato: “Per il momento la riabilitazione sta andando bene. Pian piano comincerò a fare esercizi in piscina, poi ci sarà anche un periodo di formazione cardio. In queste situazioni è molto importante la testa. Le prime due settimane sono state le più difficile, ma questo periodo è passato. Vorrei ringraziare tutte le persone che mi supportano con messaggi e foto. E’ stato bello quando 60mila persone hanno urlato il mio nome, dico grazie anche per questo. Nazionale? Sarò pronto per aiutare i miei compagni a Russia 2018. Non escludo il prestito in un altro club.Sarebbe un modo recuperare rapidamente ed essere prima al 100% della condizione“.

(Napoli-Inter, il derby in famiglia dell’on. La Russa: “Io amo i nerazzurri, ma mia moglie…”)

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Teo Minore - 2 anni fa

    Vieni a Palermo… tranquillo che ti sentirai a casa tua…
    Cionek.. Murawski.. Dawidowiz.. Sziminski

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy