Napoli, De Laurentiis al veleno: “Higuain ha una cultura molto piccola”. E su Sarri e la clausola…

L’intervista al presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis: “La sua clausola penale può scattare soltanto tra un anno”.

Maurizio Sarri, Dries Mertens, Gonzalo Higuain. E Aurelio De Laurentiis a 360°. Sì, sono diversi i temi trattati dal presidente del Napoli ai microfoni di ‘BeIN Sports’: dal futuro del tecnico azzurro, al suo ‘rapporto’ con il numero 9 della Juventus.

“Sì, è vero: Sarri ha una clausola penale, ma ha anche un contratto con noi valevole per molte stagioni, e la sua clausola penale può scattare soltanto tra un anno. È di 8 milioni di euro: non mi sembrano pochi per andare ad allenare da un’altra parte, o no?”, sono le sue prime parole.

FUTURO MERTENS-KOULIBALY – “Io credo che il desiderio di Mertens sia quello di restare a Napoli: certo, bisognerà capire qual è l’idea della moglie… Se questi problemi con lei saranno risolti, saremo felici di accogliere il nostro giocatore a braccia aperte. Koulibaly? La scorsa estate il Chelsea mi offrì 55 milioni, ma risposi a Conte che uno così non si può cedere. A meno che Sarri non mi dica: ‘Ho già Tizio, Caio e Sempronio che sono affidabili: puoi cedere chi vuoi'”.

SU HIGUAIN – “Può indicarmi col dito per tentare di assolversi di fronte ai tifosi, ma i tifosi non sono stupidi: capiscono perfettamente. Una persona di buon gusto non tradisce la squadra dove si è affermato per andare a giocare nell’acerrima nemica. Qui non c’entra né il presidente, né il fratello: solo la sua cultura, che è molto piccola”, ha concluso De Laurentiis.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy