Milan, senti Mirabelli: “I successi sono frutto del mio lavoro, i giovani mie intuizioni”. E su Cutrone…

Milan, senti Mirabelli: “I successi sono frutto del mio lavoro, i giovani mie intuizioni”. E su Cutrone…

Massimiliano Mirabelli torna a parlare della sua esperienza da direttore sportivo del Milan, durata poco più di un anno

L’avventura di Massimiliano Mirabelli come direttore sportivo del Milan è durata poco più di un anno, ma ha lasciato i suoi frutti.

Il dirigente sportivo, attualmente alla ricerca di una nuova avventura, ha ribadito, ai microfoni di ‘Tutto Sport’, che gran parte dei meriti per il momento positivo che i rossoneri di Rino Gattuso stanno ad oggi vivendo è da attribuire a lui stesso e al suo operato, seppur di breve durata, all’interno del club di via Aldo Rossi:
A me l’unica cosa che interessa davvero è la qualità del progetto. Cosa che mi spiace è che ora il Milan sta raccogliendo i frutti dell’80% del mio lavoro che ho svolto precedentemente nei miei 15 mesi rossoneri. Dalla scelta dello staff tecnico ai rinnovi di giovani di prima fascia come Donnarumma, Romagnoli, Calabria e Cutrone per non parlare poi degli acquisti come Rodriguez e Kessie, solo per citarne alcuni. Oggi parlano di un Milan giovane, vero. Ma l’intuizione di dare fiducia a questi ragazzi di chi è stata?”.

Milan, a tutto Calabria: “Difesa? Abbiamo svoltato, Gattuso è migliorato. Non mi aspettavo che Paquetá…”

L’ex direttore sportivo rossonero, inoltre, ha detto la sua sul giovane attaccante Patrick Cutrone, che da quando è approdato al Milan il polacco Krzysztof Piątek ha dovuto fare un passo indietro:
E’ il giovane attaccante più promettente che abbiamo. Era a scadenza, voleva andare a giocare anche in B ma io gli dissi che doveva prolungare e stare in rossonero dove avrebbe trovato spazio e soddisfazioni. Io al posto del Milan me lo terrei stretto e quindi non lo cederei”.

Milan, Cutrone: “Vivo per il pallone, non mi accontento mai. Ecco a chi mi ispiro…”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy