Milan, senti Amauri: “Meglio Higuain di Piatek. Quando Cavani era al Palermo…”

Milan, senti Amauri: “Meglio Higuain di Piatek. Quando Cavani era al Palermo…”

Le dichiarazioni rilasciate dall’ex attaccante del Palermo in merito al trasferimento di Gonzalo Higuain al Chelsea e di Krzysztof Piatek al Milan

“Con tutto il rispetto per Piatek ma io preferisco Higuain”.

Parola di Carvalho de Oliveira Amauri. Diversi sono stati i temi trattati dall’ex attaccante del Palermo, che ha vestito la maglia rosanero dal 2006 al 2008, intervistato ai microfoni di RMC Sport: dalla trattativa che ha portato al trasferimento di Gonzalo Higuain al Chelsea e di Krzysztof Piatek al Genoa, al momento di Juventus e Napoli.

“Higuain non sta vivendo un grande momento, ma ha una grande storia alle spalle e dove è andato ha fatto sempre gol. E’ fondamentale la testa per un giocatore. Higuain ha dimostrato di essere un campione quando è in condizione fisica e mentale. Io ci sono passato: finché stai bene con la testa tutto gira, succede il contrario quando invece hai un calo mentale. Cavani quando era al Palermo aveva la testa altrove e non giocava perché c’ero io, poi si è sbloccato mentalmente e anche in campo”, sono state le sue parole.

MILIK E PIATEK – “Milik o Piatek? Milik. E’ una prima punta, mi piace come gioca, fa gol in tutti i modi. Ha avuto tanti infortuni, il suo cammino è stato solo ritardato. Ha tutto per far bene e per migliorare ancora di più. Piatek non è scarso, fa gol anche lui (ride, ndr): anche il futuro attaccante del Milan può diventare un grande”.

JUVENTUS E NAPOLI – “Lazio-Juventus? La Juventus in questo momento è una macchina vincente, è la squadra da battere. La Lazio sta facendo un grande campionato, gioca in casa, ma davanti ha una squadra che sta bene e ha grandi campioni. Napoli-Milan? Il Napoli è in forma, è la seconda forza del campionato. E’ una partita rischiosa, ma gli azzurri possono avere più possibilità di vincere”, ha concluso Amauri.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy