Milan-Lazio, Pioli: “La squadra è in crescita, siamo sulla strada giusta. Gli errori commessi…”

Le parole del tecnico del Milan in merito alla sconfitta subita contro la Lazio

Il Milan perde tra le mura di San Siro.

In occasione del posticipo serale dell’undicesima giornata di Serie A è andata in scena la sfida tra il Milan e la Lazio, che si sono affrontati alla ricerca di un successo importante per continuare la corsa verso il quarto posto. I biancocelesti erano passati in vantaggio con il gol di Immobile, ma i rossoneri erano riusciti a riportare il risultato in parità grazie all’autorete di Bastos. A pochi minuti dalla fine però, la Lazio è riuscita a conquistare i tre punti grazie al gol di Joaquin Correa.

Al termine del match il tecnico del Milan, Stefano Pioli, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport, esprimendo la sua delusione per la sconfitta subita: “La squadra è in crescita, per l’ambiente era importante conquistare un risultato utile ma la prestazione c’è stata. I miei hanno giocato con tanta generosità, hanno cercato di rispondere ad un avversario forte prendendosi anche dei pericoli. La strada è quella giusta, ci stiamo avvicinando ad un livello alto. Abbiamo perso e continuiamo a perdere con le squadre più forti, ma dobbiamo continuare a lavorare così e alzare l’asticella. Si continua a parlare tanto della mentalità dei giocatori, ma io oggi ho visto una squadra che ha lottato per 90’. I cambi di risultati condizionano l’atteggiamento, ma nessuno si è arreso. Abbiamo commesso degli errori, dobbiamo essere più precisi e sbagliare meno passaggi. Quando sono arrivato ho trovato una squadra impaurita e preoccupata, ma adesso vedo i giocatori convinti. C’è da lavorare tanto e soprattutto bene. Leao? Mi aspettavo di più da lui, la sua entrata doveva creare più occasioni. Era inevitabile, avendo giocato giovedì, che facessi dei cambi per avere forze fresche. È un ragazzo con un grande potenziale, ma deve fare molto di più perché l’apporto che ha dato oggi è al di sotto delle sue qualità. Nei gol noi eravamo in superiorità numerica, ma non abbiamo letto bene le situazioni. Dobbiamo interpretare con più attenzione e più velocità queste situazioni. Theo Hernandez è un giocatore da sfruttare più in fase offensiva, ma dobbiamo valutare bene gli equilibri. Non voglio puntare il dito contro nessuno, ma dobbiamo comprendere che soltanto con l’atteggiamento giusto di aiuto e di sacrificio possiamo ottenere dei bei risultati. Non abbiamo dei grandissimi campioni, ma ci sono giocatori di qualità e lavorando con attenzione e collaborazione possiamo toglierci delle soddisfazioni. Siamo giovani, ma dobbiamo essere maturi e comprendere gli errori. La squadra ci crede. Abbiamo avuto le stesse occasioni della Lazio e calciato anche più di loro. Non bisogna soltanto guardare agli errori. Dobbiamo insistere sulle situazioni in cui abbiamo preso gol. La squadra è uscita a testa bassa ma consapevole di essere in crescita. Ce la siamo giocati alla pari con una squadra che può arrivare tra le prime quattro, la prestazione per me è convincente“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy