Milan, Ibrahimovic viola la zona rossa: Zlatan a pranzo in un ristorante, la frase shock dello chef

Zlatan Ibrahimovic ha violato le regole in vigore in zona rossa

milan

Non solo il cartellino rosso in occasione di Parma-Milan.

Zlatan Ibrahimovic torna a far parlare di sé. Secondo quanto riportato da Fanpage.it, l’esperto attaccante del Milan si sarebbe fatto aprire attorno alle 13.30 un noto ristorante di Milano. Nonostante la zona rossa e le restrizioni anti-covid che impongono la chiusura dei locali al pubblico. Restano possibili, infatti, soltanto l’asporto senza consumazione sul posto (fino alle ore 22) e le consegne di cibo a domicilio. “Un pranzo da 300 euro a testa”, si legge.

Alcuni scatti mostrano il centravanti svedese seduto ad un tavolo insieme allo chef e ad altre persone. Tra i presenti, pare, anche l’ex calciatore del Milan Ignazio Abate. “Ibra, Ignazio e un altro amico carissimo sono venuti a trovarmi, siamo stati lì un paio d’ore e poi se ne sono andati a casa. È stata una cosa tra amici. Siamo amici e noi ogni tanto ci vediamo da me se non ci vediamo da altri amici. Non hanno pranzato, abbiamo bevuto un bicchiere di vino”, ha versione dello chef. Ma non solo; alla domanda sul motivo per il quale il ristorante fosse aperto nonostante il divieto, l’uomo avrebbe detto: “Ma quale cazzo di pandemia, ma la smettete di rompere i cog****i con sta pandemia?”.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. spargi49 - 4 settimane fa

    Mentre giornalmente persone muoiono il ristoratore si permette di dire che non c’è pandemia,poi magari scende in piazza a protestare per i mancati ristori.vorrei che gli ritirassero la licenza

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy