Milan, Castillejo contro Politano: “E’ stato furbo, non c’era nessun rigore”

L’attaccante spagnolo torna a parlare della sconfitta subita dai rossoneri nel derby contro l’Inter

Certo lascio la gamba, ma quando vedo che non tocco la palla lui (Politano) è troppo furbo per toccare la mia. Lo tocco ma non era rigore“.

Descrive così l’azione del rigore concesso all’Inter nel derby Samuel Castillejo. L’attaccante esterno del Milan è tornato a parlare ai microfoni di DAZN della sconfitta per 3-2 rimediata dai rossoneri prima della sosta. Lo spagnolo si è poi soffermato sulla lite tra Biglia e Kessié: “Sono cose che succedono nel calcio, Kessié è uscito male perché voleva aiutare la squadra. Loro sono amici da tanto tempo. Frank è un ragazzo che scherza tanto e Lucas dà tanti consigli a tutti“.

Il classe 1995 è uno dei calciatori che tutti i tecnici vorrebbero avere, vista la sua duttilità: “Al Villarreal ho giocato per tanti anni come esterno destro ma il mister sa che può contare su di me dove ha bisogno. Gattuso aiuta tanto sia i giocatori che giocano che quelli che non giocano, la sua porta è sempre aperta. Quando si arrabbia è difficile capirlo, ma anche quando non è arrabbiato perché parla molto veloce…“.

Infine Castillejo ha scherzato su una possibile scommessa in caso di qualificazione in Champions League del Milan: “Rasarmi a zero? No, sarei bruttissimo però mi farei un altro colore di capelli. Pettinarmi come Laxalt? Sicuramente no, non mi piace. Cutrone invece è molto simile a me, il suo taglio va bene“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy