Milan-Bologna, Leonardo: “Essere quinti è quasi positivo, non possiamo sempre fare i giudici”

Milan-Bologna, Leonardo: “Essere quinti è quasi positivo, non possiamo sempre fare i giudici”

Il dirigente dei rossoneri ha parlato al termine della sfida contro i rossoblù

Il Milan torna a vincere.

L’ultimo match della trentacinquesima giornata di Serie A ha visto i rossoneri ospitare il Bologna tra le mura dello stadio San Siro, alla ricerca di una vittoria importantissima per continuare a sognare un posto nella prossima edizione della Champions League. I padroni di casa hanno trionfato grazie ai gol di Suso e Fabio Borini, vanificando la rete di Mattia Destro e salendo al quinto posto in classifica a soli tre punti di distanza dall’Atalanta.

Intervenuto ai microfoni di Sky Sport al termine del match il dirigente dei lombardiLeonardo, ha parlato così delle prossime partite e del futuro del club: “Dobbiamo pensare partita dopo partita, da quando siamo arrivati la rosa aveva 34 giocatori, dieci sono andati e cinque sono arrivati con un saldo di zero euro quasi. La squadra è partita all’improvviso. Essere quinti oggi è quasi positivo, anche se non possiamo negare che ci sono stati risultati non buoni dopo il derby che hanno lasciato segnali importanti. La squadra è stanca ma ha dimostrato una forza che pensa di non avere ma che ha. Abate e Zapata hanno dato l’anima, Mauri è stato buttato dentro e ha risposto. Abbiamo subito un gol, un’espulsione ma comunque abbiamo vinto. Parliamo poco come società, crediamo che non possiamo sempre intervenire e fare i giudici. Tante cose sono successe ma tante cose sono state risolte internamente. Tutti i provvedimenti fatti, pubblici o meno, devono essere fatti ma la società non deve fare processi pubblici. Non vogliamo mostrare di essere bravi a prendere provvedimenti. Noi agiamo secondo quelli che crediamo essere i nostri valori. Questo gruppo è nuovo, a parte pochi come Zapata e Abate, chi è da più tempo al Milan è arrivato due anni fa. È una squadra in costruzione, è normale che si una stagione di fatica“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy