Calcioscommesse: Messina nell’occhio del ciclone, Di Napoli al centro di tutto? Il comunicato

Si apre l’ennesimo filone di calcioscommesse: a Messina si indaga su alcune partite. Al centro del giro di scommesse, secondo la Procura, ci sarebbe Arturo Di Napoli.

Un vero e proprio terremoto giudiziario per giocatori, commercialisti e scommettitori a Messina. Sono 40 gli indagati finiti nel calderone della nuova inchiesta della Procura di Messina.

Indagini affidate alla Guardia di Finanza che lo scorso martedì ha avviato perquisizioni e sequestri in parecchie abitazioni e studi professionali cittadini. Il sostituto procuratore Francesco Massara indaga su quattro partite di Lega Pro del girone C, disputate dall’Acr Messina tra il dicembre del 2015 e maggio del 2016. Secondo la Procura, al centro del giro di scommesse da migliaia di euro a partita, ci sarebbe l’ex calciatore ed ex allenatore dell’Acr, Arturo Di Napoli.

Intanto è arrivato anche il comunicato ufficiale del club siciliano.

“A.C.R. Messina, in relazione alle notizie di stampa pubblicate oggi circa sviluppi dell’indagine riguardante il calcioscommesse nella stagione sportiva 2015/2016, esprime massima fiducia nell’attività degli investigatori e della giustizia. Questa società opera nel pieno rispetto dei principi di legalità e lealtà sportiva e auspica che si possa fare presto chiarezza. A.C.R. Messina – che è parte offesa in un eventuale procedimento penale – si tutelerà esercitando ogni azione necessaria a difesa del proprio nome e prestigio”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy