Livorno, Breda avverte il Palermo: “Vogliamo i tre punti. Delio Rossi? Speravo arrivasse alla prossima…”

Livorno, Breda avverte il Palermo: “Vogliamo i tre punti. Delio Rossi? Speravo arrivasse alla prossima…”

Le dichiarazioni rilasciate in conferenza stampa dal tecnico del Livorno: “Calcisticamente Delio Rossi è stato il mio papà”

“Dobbiamo cercare di fare punteggio pieno”.

Parola di Roberto Breda. Il tecnico del Livorno è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro il Palermo, in programma domani pomeriggio allo Stadio “Armando Picchi”: oggetto di discussione, il momento delle due compagini in vista del match valido per la trentacinquesima giornata del campionato di Serie B.

“Il Palermo è una squadra forte e sarà necessaria una grande prestazione. Vogliamo i tre punti. Sarà maestro contro allievo? Calcisticamente Delio Rossi è stato il mio papà, mi ha fatto capire il ruolo dell’allenatore. Speravo che arrivasse dopo questa partita, avranno una scossa, ma noi dobbiamo andare oltre e pensare al nostro obiettivo. Affrontiamo una squadra fortissima che senza i problemi societari avrebbe una classifica migliore”, sono state le sue parole.

“Bogdan è convocato, è un ragazzo che sta crescendo. Gasbarro troverà spazio da qui alla fine. Contro il Palermo dovremo trovare equilibrio, con l’obiettivo di essere propositivi in avanti come in ogni partita casalinga. Dovremo capire in che modo giocherà il Palermo, considerato il cambio allenatore. Haas squalificato? Non cambierà tantissimo, hanno dei sostituti importanti con l’imbarazzo della scelta, ma possiamo metterli in difficoltà. Mio futuro? Al momento non posso fare valutazioni, mi devo meritare ancora qualcosa e concentrarmi sul presente”, ha concluso Breda.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. spargi49 - 12 mesi fa

    Aspettano sempre il Palermo per fare i 3 punti,se li avessero fatti per tutto il campionato sarebbero primi, bocche grandi , speriamo di lasciarli a bocca aperta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy