Udinese-Lecce, Liverani e la lotta salvezza: “Poche speranze, ho un rammarico. Ecco cosa chiedo alla squadra”

Udinese-Lecce, Liverani e la lotta salvezza: “Poche speranze, ho un rammarico. Ecco cosa chiedo alla squadra”

Le dichiarazioni rilasciate dal tecnico alla vigilia di Udinese-Lecce

Liverani

Poco più di ventiquattro ore e sarà Udinese-Lecce, match valido per la trentasettesima giornata del campionato di Serie A.

Diversi sono stati i temi trattati dal tecnico dei salentini, Fabio Liverani, alla vigilia della sfida in programma domani pomeriggio alla Dacia Arena (fischio d’inizio alle ore 19.30): dal momento della sua squadra,  reduce dalla sconfitta contro il Bologna, all’obiettivo salvezza. Ma non solo…

“Il rammarico è grande, nelle ultime tre trasferte abbiamo tirato in porta 50 volte ma siamo tornati con un punto. Questo è il rammarico più grande di una squadra che ha poche speranze, ma che ne avrebbe avute tantissime, perché abbiamo creato tanto. Col Bologna abbiamo sbagliato approccio. Purtroppo ricaricare mentalmente ogni tre giorni è la difficoltà più grande. Però la squadra ha ripreso a giocare creando tantissimo, ha raggiunto il pari. Poi con Mancosu abbiamo sbagliato a tu per tu col portiere, c’è stato un colpo di testa di Lapadula dentro la porta, una traversa, un salvataggio sulla riga. Il Bologna, già salvo si è giocato la partita? Non entro in questi commenti perché per me il calcio è questo. Devono finire le storie di qualche anno fa in cui le ultime partite non erano giocate. Per me il calcio è questo e lo dico anche oggi che sono in difficoltà: ma sono d’accordo e felice che le partite siano queste”, sono state le sue parole.

“Perdiamo Rispoli ma c’è Calderoni. Il morale non può essere dei migliori, da stamattina siamo entrati nella partita. Come sempre cercheremo di fare il massimo, la squadra non ha mai mollato e questo mi rende orgoglioso. Veniamo da 5 partite in cui avremmo meritato di più. Il lockdown per noi è stato devastante, abbiamo giocato sempre in grande emergenza e cambiare le partite era praticamente impossibile, l’attacco è stato sempre decimato o poco allenato, questo ci ha creato problemi, ma anche dietro avevamo assenze importanti. L’elenco sarebbe lungo e per una squadra come noi è stato pesante. Noi facciamo il massimo, dobbiamo fare 6 punti non è facile ma dobbiamo fare il massimo: di rimpianti già ne abbiamo e non vogliamo averne più. Dobbiamo fare la partita per noi senza pensare agli altri”, ha concluso Liverani.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy