Lecce-Brescia, Liverani: “I ragazzi se la devono godere con entusiasmo e umiltà. Formazione? Vi spiego”

Lecce-Brescia, Liverani: “I ragazzi se la devono godere con entusiasmo e umiltà. Formazione? Vi spiego”

Le parole di Fabio Liverani, tecnico della formazione salentina, intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del big match di Serie B tra il suo Lecce ed il Brescia

La parola a mister Fabio Liverani.

(Lecce, il presidente Sticchi Damiani: “Fabio Liverani top, rinnovo fino al 2022 consolidamento di un percorso meraviglioso”)

(Lecce, Fabio Liverani rinnova fino al 2022: “Sono felice, ora ho un sogno…”)

Il tecnico del Lecce, intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del big match di Serie B che vedrà la formazione salentina (seconda forza del torneo cadetto, tallonata dal Palermo) scendere in campo stasera contro il Brescia primo in classifica di Eugenio Corini, ha tessuto le lodi della compagine lombarda mettendone in evidenza i punti di forza, soffermandosi inoltre sul punteggio ottenuto all’andata e sull’ottima stagione portata avanti finora dalla squadra giallorossa, partita ad inizio campionato con degli obiettivi più modesti rispetto a quanto raccolto fino ad oggi.

È una squadra che ha dato grandissima continuità, non ha commesso quasi mai passi falsi. Ha il capocannoniere, Donnarumma, un giocatore che vive di qualità e di fiuto in area da attaccante vero. Torregrossa ha nella rifinitura e nell’intelligenza di duettare la sua caratteristica migliore. Insieme formano una coppia gol fantastica. Tonali è un vero e proprio direttore d’orchestra già nel giro della Nazionale, Bisoli attacca benissimo la porta e con Ndoj sono sulla bocca di tutti. È una squadra costruita per obiettivi importanti, lo sta dimostrando ed è meritatamente davanti, organizzata ed allenata bene. Questo però dà ancora più lustro ad una squadra come la nostra che è partita a luglio per giocare un campionato tranquillo, e invece si è guadagnata la possibilità di giocare davanti ad uno stadio pieno contro la prima della classe. Credo che non ci sia regalo più bello per questi ragazzi. Capiremo quanto siamo pronti per giocare in un contesto di un certo tipo, perché i 25mila sono routine per un campionato di Serie A. I ragazzi se la devono godere con entusiasmo, serenità e umiltà. Poi hanno le qualità per giocarsela con tutti. C’è ancora molta amarezza per il ko dell’andata, credo che il pareggio sarebbe stato più giusto. Poi nel calcio chi riesce a sfruttare l’episodio, chi ci crede di più merita di vincere. Formazione? Ci sono decisioni che prenderò all’ultimo“.

(Serie B, 35a giornata: nel posticipo big match Lecce-Brescia. Il Palermo e Delio Rossi…)

(Brescia, Eugenio Corini carica i suoi: “Col Lecce una vera e propria finale, dobbiamo vincere”)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy