Milan-Lazio, Inzaghi: “Crisi superata, vittoria meritata: abbiamo sfatato un taboo”

Il tecnico della Lazio ha commentato la vittoria ottenuta contro il Milan in occasione dell’undicesima giornata di Serie A

lazio Borussia Dortmund

La Lazio sbanca San Siro.

In occasione del posticipo serale dell’undicesima giornata di Serie A è andata in scena la sfida tra il Milan e la Lazio, che si sono affrontati alla ricerca di un successo importante per continuare la corsa verso il quarto posto. I biancocelesti erano passati in vantaggio con il gol di Immobile, ma i rossoneri erano riusciti a riportare il risultato in parità grazie all’autorete di Bastos. A pochi minuti dalla fine però, la Lazio è riuscita a conquistare i tre punti grazie al gol di Joaquin Correa.

Al termine del match il tecnico della Lazio, Simone Inzaghi, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport, esprimendo la sua soddisfazione per la vittoria ottenuta: “Penso che la crisi sia superata. Abbiamo vinto meritatamente una gara contro una buona squadra, abbiamo fatto di tutto per vincere nonostante il gol loro fortuito. I cambi ci hanno aiutato. Ero tranquillo nonostante le sconfitte perché vedevo che le prestazioni c’erano, mancava soltanto il risultato. La classifica si è accorciata, ma è prematuro parlarne. Dobbiamo dare continuità ai buoni risultati. Dobbiamo lavorare alle disattenzioni. Mercoledì col Torino siamo stati bravi in fase difensiva, anche a Firenze. In occasione del gol oggi Bastos è stato sfortunato. Giochiamo molto alti, quindi è chiaro che ci scopriamo. Dobbiamo partire dal presupposto che quando comandiamo la gestione della gara vinciamo quasi sempre. Oggi non era semplice contro il Milan. Nelle ultime due partite eravamo stati bravi nelle ripartenza, stasera potevamo fare meglio soprattutto nel secondo tempo perché loro erano stanchi e non potevano tenere ritmi alti. Se giochiamo sempre palla su Milinkovic lo stanchiamo, non va bene. Era importantissimo vincere, sapevamo di dover rispettare il Milan e lo abbiamo fatto. Dopo il pareggio non era semplice, ma siamo rientrati bene in campo e i cambi ci hanno aiutato. Vittoria a San Siro dopo 30 anni? Dovevamo sfatare un taboo e avere più fame di loro. Avevamo vinto qui in Coppa Italia e avevo detto ai ragazzi che dovevamo crederci e avere personalità. Io non mi sono mai sentito in discussione, la società è sempre stata con me. A giugno ho scelto di rimanere perché sapevo che questa squadra aveva ancora dei margini di crescita. Credo fortemente nella Lazio, abbiamo l’obbligo di alzare l’asticella“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy